HR e Burnout: il problema sembra essere la stanchezza decisionale

Burnout: una semplice parola di 7 lettere che si sta diffondendo in egual misura del virus che ha trasformato le nostre vite nelle ultime settimane.

Molte persone sono costrette a lavorare tra le mura di casa, dove si annidano ogni giorno le stesse domande: mi sono lavato le mani a sufficienza? Potrò più abbracciare i miei amici? Quando potrò ritornare a vivere la vita che vivevo fino a qualche mese fa? Posso tenere la mano a mio figlio? Dovrei disinfettare la spesa? E i vestiti?

Per non parlare dei social media, dei giornali e della televisione. Le persone sono continuamente bombardate di informazioni contrapposte: il virus esiste? O è un’invenzione pilotata dalla case farmaceutiche? A ottobre tornerà una nuova ondata? Saremo pronti per affrontarla?

In poche parole, le persone si stanno esaurendo sempre più, e il rischio di burnout per i lavoratori non è mai stato così alto.

Non è il classico burnout

Solitamente quando pensiamo al burnout, pensiamo al lavoro continuativo di 10-12 ore, magari davanti al pc e in videoconferenza. Secondo gli esperi però, in un periodo di crisi come questo, il burnout nasce da un problema ben diverso: la stanchezza decisionale.

Questa stanchezza nasce proprio dalla difficoltà nel prendere decisioni. Ma perché in questo periodo è così difficile decidere?

Semplicemente perché le notizie cambiano di ora in ora, e non avendo mai provato una tale esperienza il nostro cervello cerca di adattarsi ad ogni notizia, cosa che naturalmente è improponibile da svolgere.

Vivendo tutto il giorno davanti al computer, abbiamo i notiziari a qualche centimetro dai nostri occhi e possiamo verificare tutte le ultime news. Queste però cambiano frequentemente e il nostro cervello va in tilt, non sapendo quale potrebbe essere la scelta giusta da prendere in questo momento storico.

Tutti noi ci rendiamo conto di essere in un periodo delicato, e sapendo le conseguenze che tutto ciò potrebbe portare, siamo attenti a fare la cosa giusta nel momento giusto. Il problema è che la “cosa giusta” in questo periodo è difficile comprendere quale sia.

In altre parole, la pandemia di Covid-19 ci sta costringendo ad affrontare rapidamente decisioni difficili in un contesto nuovo e a volte inquietante.

Le preoccupazioni sono all’ordine del giorno, e possono oscillare da “come posso essere d’aiuto ai miei figli?” a “riuscirò ad andare a fare la spesa oggi?” a “avrò ancora un lavoro in futuro?”

È proprio in questo momento che entra in gioco la figura più importante per i lavoratori: il responsabile delle risorse umane.

Tutti coloro che lavorano nel mondo HR hanno un ruolo fondamentale in questo periodo, e tutto ciò che hanno studiato, imparato e appreso negli ultimi anni deve essere trasmesso da qui ai prossimi 6-12 mesi. Il benessere del proprio team diventa l'unica arma possibile. 

Hobby e benessere

Lotte Dyrbye, un medico della Mayo Clinic, una delle più grandi istituzioni di ricerca medica negli Stati Uniti sul burnout e il benessere è molto chiaro: i nostri collaboratori hanno bisogno di due aspetti, hobby e benessere. Non bastano i soli hobby, e non basta nemmeno il solo benessere. C’è bisogno di un mix d’entrambi.

Ciò significa che se le persone amano stare ore a guardare le serie tv di Netflix è giusto che lo facciano, ma è altrettanto giusto che si prendano cura del proprio benessere, con della meditazione, con dell’attività fisica e con una sana alimentazione.

Sarò proprio il mix perfetto di hobby e benessere a permettere ai lavoratori di non entrare nel circolo di burnout.

È inutile dirlo, tutti coloro che lavorano nel mondo HR hanno un ruolo fondamentale in questo periodo di post-pandemia. Non solo devono occuparsi del proprio lavoro e del proprio benessere, ma devono anche gestire il lavoro e il benessere dei proprio talenti in azienda. Una volta fatto, saranno autonomi e il burnout sarà solamente un vecchio ricordo.

Il nostro consiglio è quello di portare questo messaggio a tutto il tuo team, assicurandoti che nella loro vita lavorativa, oltre al lavoro, vi sia una parte di hobby e una parte di benessere. Ricordati: non lo stai facendo solo per loro, lo stai facendo anche per la tua azienda. 

Il tuo ruolo come HR non è mai stato così determinante. 

 

"I nostri talenti sono la risorsa più preziosa che abbiamo in azienda. Teniamoceli stretti e in Benessere!" 

- Team Moonly

 

Il Blog che ti consigliamo di leggere

  

 

Ti andrebbe di fare quattro chiacchiere con un nostro Moonly Hero, riguardo la possibilità di portare il Wellbeing nella tua azienda?

Se sì, che ne dici di fissare la tua Moonly CALL senza impegno?

powered by Typeform