Haruma, il giovane giapponese

 

Haruma, un giovane ragazzo giapponese, si trova in viaggio di ritorno verso il suo villaggio d’origine: Gokoyama.

Mentre si trova in treno, incontra un uomo.

I due iniziano a parlare di quanto, negli ultimi anni, la tecnologia abbia sottratto al giovane giapponese gran parte della sua empatia.

Fortunatamente, l’uomo, ricorda al giovane Haruma la presenza di una certa Donna dell’Empatia: una donna presente in ogni villaggio giapponese.

Chi sarà mai questa donna?

E soprattutto, ce la farà Haruma ad incontrarla?

Scopriamolo ora, immergendoci nella sua storia.

 

Che cos'è l'intelligenza emotiva: sviluppare l'intelligenza emotiva e l'empatia



 

  

_

Haruma, il giovane giapponese

Haruma, è un giovane ragazzo giapponese nato nel villaggio di Gokayama, un villaggio famoso in tutto il mondo per i suoi freddi inverni e per i tetti delle case particolarmente spioventi.


Che cos'è l'EQ, il quoziente di intelligenza emotiva. Daniel Goleman




Suo padre, appassionato di tecnologia, si preoccupa ben presto di trasmettere la propria passione al figlio.

Haruma, guidato dalle impronte del padre, si immerge così nel mondo della tecnologia finché, all’età di vent’anni, decide di proseguire gli studi presso una delle più importanti Università di informatica del Giappone, a ben nove ore di viaggio dal suo villaggio d'origine.

Non passa molto tempo che Haruma viene contattato da un'importante multinazionale - situata a pochi passi dall'Università - per un lavoro part time come Junior software developer.

Il giovane Haruma, felice di poter conciliare studio e lavoro già all’età di vent’anni, accetta con molto piacere.

Gli anni passano, e il giovane giapponese porta avanti con successo sia l’Università sia il lavoro part time.

Tutto sembra andare per il meglio, finché un giorno, mentre si trovava in treno per tornare a salutare i suoi genitori per il capodanno giapponese, incontrò un uomo.








«Ciao ragazzo. Posso sedermi qui con te?» chiese l’uomo salito da poco sul treno.

Intelligenza emotiva: che cos'è? Caratteristiche delle persone emotivamente intelligenti






«Certo signore. Si accomodi pure.»

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





I due rimasero in silenzio per qualche minuto.








«Ragazzo, cosa leggi di bello?» domandò l’uomo vedendo Haruma immerso nella lettura.

Intelligenza emotiva: che cos'è? Caratteristiche delle persone emotivamente intelligenti





«È un giornale di tecnologia, signore.»

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Oh, immagino ti appassioni parecchio.»

Intelligenza emotiva: che cos'è? Caratteristiche delle persone emotivamente intelligenti





«Sì, abbastanza.» rispose il ragazzo con un volto un po’ cupo.

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«C’è qualcosa che non va?» chiese l’uomo vedendo Haruma un po’ sconsolato.

Intelligenza emotiva: che cos'è? Caratteristiche delle persone emotivamente intelligenti





Il giovane giapponese mise il giornale nel suo zainetto e rispose all’uomo.








«Vede signore, ogni volta che sono in viaggio di ritorno verso casa, riporto alla mente i miei primi vent’anni di vita.

Ho trascorso la mia infanzia e la mia adolescenza nel villaggio di Gokayama, insieme a tanti ragazzi e ragazze come me.

Ho trascorso con loro dei bellissimi momenti e ho tessuto con essi dei splendidi rapporti.

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





Tuttavia, negli ultimi anni, a causa del trasferimento a Nagasaky - e al mio focus esclusivo sulla tecnologia -, ho perso tutta quell’empatia che mi aveva caratterizzato nei miei primi anni di vita.»

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Ragazzo, ti capisco. Anch’io, come te, vivo ora a Nagasaky. E anch’io, come te, provengo da un piccolo villaggio a qualche ora da qui. So bene di cosa stai parlando.»

Intelligenza emotiva: che cos'è? Caratteristiche delle persone emotivamente intelligenti





L’uomo interruppe per qualche istante il suo discorso.








«Ragazzo, il viaggio è lungo. Ti va di raccontarmi cosa stai percependo? A volte è sufficiente parlare per tornare a stare meglio.»

Intelligenza emotiva: che cos'è? Caratteristiche delle persone emotivamente intelligenti





«Sì signore, volentieri.» replicò il ragazzo raddrizzando la sua postura.

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Come le dicevo,» proseguì il giovane giapponese, «è come se la mia anima si fosse un po’ raffreddata. E anche la mia comunicazione con le persone non è più armonica come un tempo.»

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Haruma, dimmi un po’: percepisci per caso un blocco che ti impedisce di goderti i momenti di interazione con le persone?»

Intelligenza emotiva: che cos'è? Caratteristiche delle persone emotivamente intelligenti





«Sì, signore! È proprio così. Come fa a saperlo?»

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Ci sono passato anch’io, caro Haruma. Ora dimmi: sbaglio o finché ti trovi immerso nella tecnologia tutto sembra andare per il meglio?»

Intelligenza emotiva: che cos'è? Caratteristiche delle persone emotivamente intelligenti





«Non sbaglia, signore. Quando lavoro al computer sto benissimo. Mi sento soddisfatto. Adoro il mio lavoro.»

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Ottimo, e sbaglio o non appena stacchi gli occhi dalla tecnologia, e li proietti verso un essere umano, le cose cambiano totalmente?»

Intelligenza emotiva: che cos'è? Caratteristiche delle persone emotivamente intelligenti





Il giovane giapponese si prese qualche attimo di pausa.








«Sì, signore. Molto spesso, quando parlo con le persone, mi sento una nullità. Come si in qualche modo mi sentissi inferiore rispetto agli altri.» concluse Haruma voltando lo sguardo verso il finestrino.

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Ragazzo, è tutto ok. È successo anche a me di veder svanire la mia autostima non appena il mio sguardo passasse dallo schermo di un pc al volto di un uomo o di una donna.»

Intelligenza emotiva: che cos'è? Caratteristiche delle persone emotivamente intelligenti





I due tornarono in silenzio.

Gli occhi di Haruma erano proiettati fuori dal finestrino, persi tra le distese giapponesi.

L’uomo, vedendo il ragazzo immerso nei suoi pensieri, lo lasciò riflettere.








 

«Ragazzo,» riprese parola l’uomo dopo una mezz’oretta, «tra poco dovrò scendere da questo treno. Mi aspetta una donna. Una donna famosa nel mio villaggio per la sua innata empatia. 

Come forse saprai,» continuò l’uomo, «in ogni villaggio giapponese vive una Donna dell’Empatia

Intelligenza emotiva: che cos'è? Caratteristiche delle persone emotivamente intelligenti





«Donna dell’Empatia? Cosa intende, signore?» chiese il giovane scollando gli occhi dal finestrino.

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Il treno si sta fermando, caro ragazzo. Il mio tempo è esaurito. Nel mentre arriverai a casa, pensa alla donna più empatica del tuo villaggio. Lei saprà aiutarti.»

Intelligenza emotiva: che cos'è? Caratteristiche delle persone emotivamente intelligenti





Il discorso dell’uomo si bloccò e, insieme alle sue parole, anche il treno bloccò i suoi oltre cinquanta vagoni.








«È stato un piacere conoscerti. Ciao ragazzo!» disse l’uomo scendendo di corsa dal treno.

Intelligenza emotiva: che cos'è? Caratteristiche delle persone emotivamente intelligenti





Haruma diede nuovamente il suo sguardo al finestrino e tornò a pensare.







 

«Chi sarà mai questa Donna dell’Empatia? Nel mio villaggio non conosco nessuna donna che spicca sulle altre riguardo le sue capacità empatiche.»

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





I pensieri avvolsero il giovane giapponese per gran parte del viaggio finché, ad un certo punto, non ebbe un’illuminazione.








«Ehi, ora che ci penso esiste una donna particolarmente empatica nel mio villaggio!» esclamò il ragazzo.

«La signora Ena è sicuramente la donna più empatica che io abbia mai incontrato. Chissà se vivrà ancora in quella piccola casetta.»

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





Lo stato d’animo di Haruma cambiò tutto d’un tratto.

Qualche minuto dopo, il treno sostò alla stazione di Shin-Takaoka.

Il ragazzo scese dal treno e, dopo qualche minuto, prese un autobus che l’avrebbe portato dritto dritto a pochi passi dal suo villaggio.








«Ciao Haruma!» disse l’autista, ricordandosi del ragazzo.

Che cos'è l'intelligenza emotiva? Come si coltiva l'intelligenza emotiva?






«Buon pomeriggio signore!» esclamò il giovane giapponese sedendosi in fondo al piccolo autobus.

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





Haruma continuò a riflettere sulla signora Ena.








«Quasi quasi, non appena arrivo al villaggio, vado a trovarla. Chissà che forse mi potrà aiutare a diventare una persona più empatica.» pensò il giovane.

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





Haruma iniziò a pensare ai momenti nei quali, da bambino, giocava a pallone proprio nelle zone della casetta della signora Ena.

Si ricordò di quando, nonostante avesse combinato qualche marachella nei pressi dell’abitazione della donna, ella non si era minimamente arrabbiata. 

I suoi pensieri continuarono, finché, dopo poco più di un’ora di viaggio, l’autobus sostò.








«Eccoci ragazzo. Siamo arrivati al tuo villaggio!» esclamò l’autista, che nel frattempo aveva visto arrivare alle sue spalle il giovane Haruma pronto per scendere.

Che cos'è l'intelligenza emotiva? Come si coltiva l'intelligenza emotiva?





«Buon lavoro, signore.» disse il giovane, uscendo dall’autobus insieme al suo zainetto.

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





Haruma scese in fretta e, prima di dirigersi a casa dei suoi genitori, si incamminò verso quella che sapeva essere l’abitazione della signora Ena.

In quel periodo era inverno.

Della soffice neve stava scendendo dal cielo.

I tetti delle case, spioventi, erano coperti da un manto bianco e soffice.

Haruma continuò a camminare per una decina di minuti finché, in quel preciso momento, non vide la signore Ena spazzare la neve dal suo pianerottolo di casa.








«Signora Ena, si ricorda di me?» domandò il giovane avvicinandosi alla donna.

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Ciao Haruma, come potrei non ricordarmi di te? La tua passione per la tecnologia ti ha sempre reso unico ai miei occhi.» rispose la donna, fermando per un attimo il movimento della scopa.

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





 

«Mi fa piacere che si ricordi di me.» rispose il ragazzo. «Avrei bisogno di parlarle. È un buon momento?»

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Certo ragazzo. Entriamo in casa. Qui fa freddo.» rispose la signora Ena, mettendo da parte la scopa che stava utilizzando per spolverare la neve dal pianerottolo.

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





I due entrarono nell’umile ma accogliente casa della signora Ena.

Il camino era acceso, e un profumo di zuppa di miso rendeva la casa un piccolo tempio nel freddo inverno di Gokayama.








«Vieni Haruma, sediamoci qui in salotto.» disse la signora Ena, incuriosita dalle necessità del giovane.

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





«Dimmi un po’ ragazzo, cosa ti sta turbando in questo momento?» continuò la donna, che nel frattempo aveva già intuito che qualcosa non stava andando nella vita del ragazzo.

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





«Signora Ena, come fa a sapere che qualcosa mi sta turbando? Mi legge nel pensiero, per caso?»

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Vedi ragazzo,» rispose la donna, «tu hai un grande talento. Come ben sai, tuo padre ha voluto donarti come nome Haruma. Un nome che, qui in Giappone, sta a significare innovativo

Tu, caro Haruma, riesci a creare un forte legame con i computer e con tutto ciò che ruota attorno al mondo della tecnologia. 

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





Io purtroppo, quell’abilità, non ce l’ho, anche se sono certa che con il tuo aiuto potrei diventare un’ottima informatica.

Se c’è una cosa, però, che la vita mi ha insegnato, è la capacità di sintonizzarmi con le persone.»

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





«Sì signora, è proprio di questo che mi piacerebbe parlarle: della sua capacità di essere empatica.

Si sente parlare sempre più spesso di quanto sia importante coltivare l'empatia, ma purtroppo non ho ancora capito come studiarla.»

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Ragazzo,» rispose la signora Ena, «l’empatia è un’abilità che non va studiata. L’empatia va vissuta.

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto

 

 

 

È la pratica giornaliera che ti avrà permesso di coltivare l’empatia.

È l’esercitazione continua che ti avrà fatto diventare una persona più empatica.

È l’impegno che ci metterai, giorno dopo giorno, che ti avrà consentito di entrare in empatia con le persone.»

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





Il giovane rimase in silenzio per qualche secondo. 

Per un momento pensò all’incontro avuto con l’uomo sul treno.







 

«Signora Ena, sono intenzionato a migliorare. Desidero rafforzare questo aspetto della mia vita.

Io rimarrò qui a Gokayama per sette giorni, poi dovrò tornare a Nagasaky.

Mi piacerebbe che mi desse qualche consiglio su come sviluppare una piccola parte della sua immensa empatia.»

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«D’accordo ragazzo, molto volentieri. Ti darò uno strumento che ti avrà aiutato a coltivare, giornalmente, la tua empatia.

Una sola cosa ti chiedo: quando farai ritorno nuovamente qui nel villaggio?»

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





«Fra due mesi sarò nuovamente qui. Devo ammettere che mi piacerebbe tornare più spesso, ma le ore di viaggio sono tante e il lavoro mi risucchia molto tempo.»

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«È tutto ok. Vorrà dire che lo strumento che ti darò lo dovrai utilizzare fino al giorno in cui tornerai a trovarci al villaggio.

Io, oggi, ti offrirò uno strumento. E tu, oggi, prometti a te stesso di utilizzarlo giornalmente. Ci stai?»

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





«Certo che sì, signora Ena.» rispose felice il ragazzo.

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Bene Haruma,» proseguì la donna, «lo strumento che andrò a offrirti, come puoi ben immaginare, non è uno strumento fisico. 

Ciò che ti offrirò è un esercizio che potrai sperimentare nei prossimi due mesi.

Praticandolo giornalmente, diventerai una persona più empatica.»

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





«Mi sta dicendo che potrò diventare empatico come lei?»

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Ottima domanda, ragazzo. Ti rispondo con un quesito: secondo te, riuscirei in due mesi a diventare un’abile informatica come te?»

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





«Beh signora, non saprei.» rispose il ragazzo sorridendo.

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Suvvia, conosci bene la risposta. Ogni competenza necessita del proprio tempo. 

Sappi che gli esercizi atti a coltivare l'empatia sono molteplici, e tutti molto validi.

Se lo vorrai, potremo scoprirne di nuovi ogni volta che verrai a trovarmi.»

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





«D’accordo signora, molto volentieri!» 

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Bene. L’esercizio che sto per offrirti è uno degli esercizi più impattanti per coltivare la tua intelligenza emotiva.

Tuttavia, come ben sai, a fare la differenza non saranno le mie parole, bensì le tue azioni.»

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





La donna lasciò Haruma riflettere qualche istante.







 

«Da qui ai prossimi due mesi,» continuò la signora Ena proponendo immediatamente l’esercizio al ragazzo, «dovrai, ogni giorno, entrare nei panni di una persona.

Questa persona potrebbe essere un tuo amico, una tua collega, un vostro cliente, un tuo conoscente o persino una persona che non conosci affatto.

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





Il tuo singolo obiettivo, caro Haruma, sarà quello di metterti nei panni di quella persona. D’accordo?»

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





«Non proprio, signora.» rispose il ragazzo un po’ confuso. «Come posso entrare nei panni delle altre persone? Come mi devo comportare?»

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Te lo spiego subito. Ogni giorno, dovrai identificare una persona a tuo piacere.

Ella potrà essere sia una persona che conosci, sia una persona che vedi per la prima volta mentre fai la spesa o mentre ti trovi in banca, ad esempio.

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





Una volta che l’avrai identificata, per i successivi cinque minuti, dovrai porti tre domande.

La prima domanda che ti farai sarà: "A cosa starà pensando quella persona?

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





«Signora, mi scusi. Per quale motivo dovrei pormi questa domanda?»

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Il tuo obiettivo da questa domanda,» rispose la donna, «sarà quello di immaginare i pensieri che sta avendo quella persona in quel preciso momento.

Ciò che dovrai fare sarà fermarti, e osservarla.

Una volta che l’avrai osservata, dovrai ipotizzare a cosa starà pensando in quel momento.»

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





«Signora Ena, come faccio a leggere il pensiero delle persone? È impossibile!»

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Ragazzo, lascia da parte la possibilità o l’impossibilità.

Non ti sto chiedendo di indovinare esattamente ciò che quella persona starà pensando.

Ti sto semplicemente consigliando di ipotizzare i pensieri che potrebbero gironzolare nella mente di quella persona.

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





Ricordati che, tutto questo, sarà semplicemente un’esercitazione per accrescere la tua empatia.

Non è importante indovinare i pensieri esatti.»

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





«D’accordo, signora. Avrei una sola domanda: l’esercizio che mi sta offrendo dovrò svolgerlo per sessanta giorni. Dico bene?»

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Sì ragazzo, dici bene.»

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





«Ok, e dovrò praticarlo con sessanta persone diverse?»

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Non per forza. Potrai replicare l’esercizio anche con le stesse persone. Tuttavia, ti consiglio di sperimentarlo su più persone diverse possibile.»

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





«D’accordo, ora mi è tutto chiaro.» confermò il ragazzo.

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Bene,» continuò la signora Ena, «una volta che avrai risposto alla prima domanda - e avrai ipotizzato i pensieri che stanno guidando quella persona in quel momento -, dovrai porti la seconda domanda.

La seconda domanda è la seguente: "Quali saranno le emozioni che sta vivendo?

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





La signora Ena congelò le sue parole per qualche secondo e si diresse in cucina, lasciando Haruma riflettere.

Dopo pochi minuti tornò con due tazze di O-cha, il tè verde tipico del Giappone.







 

«Tieni ragazzo.» disse la signora Ena porgendo gentilmente la tazza di tè caldo ad Haruma.

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





«La ringrazio signora. Posso chiederle di continuare il discorso? Mi ha molto incuriosito la seconda domanda che dovrò pormi nei prossimi giorni.»

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Certo, proseguiamo.» rispose la signora Ena, iniziando a sorseggiare anch’ella la calda bevanda.

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





«Abbiamo detto che la prima domanda ha l’obiettivo di farti riflettere sui possibili pensieri che gironzolano nella testa della persona che avrai identificato.

La seconda domanda, invece, vuole farti sintonizzare sulle emozioni dell’altra persona.

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





Il tuo obiettivo sarà quello di ipotizzare le possibili emozioni che quella persona starà vivendo in quel momento.»

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





«Signora, potrebbe farmi un esempio, gentilmente?»

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Sì, certo. Facendoti questa seconda domanda, potresti, ad esempio, percepire che la persona dinanzi a te si senta gioiosa, felice o soddisfatta.

O forse triste, impaurita o ansiosa.

O magari energica, serena o rilassata.

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





Insomma, il tuo obiettivo, caro Haruma, sarà quello di ipotizzare le emozioni che quella persona sta vivendo in quel momento.

Ti basterà osservarla in modo attento, e connetterti ad essa.»

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





«Ora ho capito.» rispose Haruma. «Ciò che dovrò fare sarà provare a immaginare le emozioni che sta vivendo quella persona.

Dovrò fare esattamente ciò che ha fatto lei con me poco fa, immaginando che qualcosa nella mia vita mi stesse turbando.»

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Esatto ragazzo.» rispose la signora Ena in modo docile.

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





«Ora,» continuò la donna, «lascia che ti offra subito la terza domanda che andrai a porti.

La terza domanda è la seguente: “Quali saranno le azioni che compierà nei prossimi minuti?

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





In poche parole, ciò che dovrai fare, sarà ipotizzare le prossime azioni che verranno svolte da quella persona.»

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





«Signora, le chiederei di farmi un esempio, se possibile.»

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Tutto è possibile.» replicò la donna in modo deciso.

«Ipotizziamo che tu ti trovi a fare la spesa e, mentre sei in fila alla cassa, decidi di svolgere questo esercizio guardando una donna che si trova a qualche metro da te.

Una volta che avrai ipotizzato i suoi pensieri e le sue emozioni, dovrai chiederti: "Quali saranno le azioni che compierà nei prossimi minuti?"»

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





«D’accordo signora. E poi?»

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Ponendoti questa domanda,» continuò la signora Ena, «potresti ipotizzare che le sue prossime azioni saranno quelle di uscire dal supermercato, posizionare la spesa nel bagagliaio di una citycar, entrare in macchina, guidare fino al suo ufficio, entrare in ufficio, effettuare una riunione con il suo team di lavoro, rispondere a una serie di email, prendersi una pausa caffè, e così via.»

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





«Signora, in sostanza dovrò ipotizzare le sue prossime attività. Dico bene?»

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Sì ragazzo, proprio così!»

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





Il giovane giapponese annuì con il capo e ne approfittò per concludere la tazza di O-cha offerta dalla gentile signora.

La donna replicò il gesto del ragazzo e riscaldò anch’ella la sua gola con la calda bevanda.





 

 

 

«Signora,» riprese parola il ragazzo, «oltre a essere una donna estremamente empatica devo ammettere che anche la sua chiarezza non è da meno. 

Sono riuscito a captare tutto ciò che mi ha offerto. Detto ciò, vorrei chiederle: cosa dovrò fare dopo che mi sarò posto queste tre domande?»

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Nulla di che, caro Haruma. È tutto qui, ciò che dovrai fare.»

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





«Tutto qui?» domandò incredulo il giovane giapponese.

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Sì ragazzo,» rispose la signora Ena, «dovrai semplicemente applicare questo esercizio ogni giorno fino al tuo ritorno qui in villaggio.

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





Quello che ti ho appena proposto è un esercizio che ti avrà fatto investire solamente cinque minuti al giorno per i prossimi due mesi. 

Diventerà il tuo piccolo investimento per coltivare quell’empatia che la vita frenetica di Nagasaky ti ha rubato.

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto

 

 

 

Sei disposto a migliorare la tua empatia svolgendo questo esercizio?» 

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





«La mia risposta è sì!» esclamò il ragazzo soddisfatto.

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





«Bene,» proseguì la signora Ena, «ora hai tutto il necessario per iniziare a diventare una persona più empatica.

È stato un piacere trascorrere questi pochi minuti con te.

Ora vai dai tuoi genitori che sicuramente saranno in pensiero.

Ti aspetto qui fra due mesi.

Al tuo ritorno sono certa che qualcosa sarà già cambiato.»

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





La signora Ena, con la sua solita gentilezza, accompagnò il giovane Haruma all’uscita, non prima però di riferirgli un'ultima cosa.






 

 

«Haruma, ricordati della promessa che hai fatto a te stesso.

Ogni giorno, per sessanta giorni, svolgerai questo esercizio.

Giorno, dopo giorno.

Il tuo primo giorno, sarà già oggi.»

Sviluppare intelligenza emotiva, una delle soft skills più importanti in assoluto





Haruma ringraziò la signora Ena e si incamminò verso la casa dei suoi genitori, a pochi passi da lì.

La strada sotto i suoi piedi era bianca.

La neve, scesa negli ultimi giorni, aveva coperto le vie del villaggio.

Dopo un centinaio di metri, a qualche passo da lui, vide la casetta dei suoi genitori.







 

 

«Finalmente a casa!» esclamò il giovane intravedendo l’abitazione di mamma Chie e papà Jotaro. 

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia





Il giovane giapponese si avvicinò all’abitazione e, proprio nel momento in cui si trovò a due passi dalla porta di casa, intravide a pochi metri da lui una donna.

Anch’ella, come la signora Ena, era impegnata a spazzare la neve dal suo pianerottolo.

Haruma si fermò sulla soglia di casa.

Guardò la donna, e iniziò a porsi delle domande.






 

 

«A cosa starà pensando quella persona?"

Quali saranno le emozioni che sta vivendo?"

Quali saranno le azioni che compierà nei prossimi minuti?»

Intelligenza emotiva, corso intelligenza emotiva, sviluppare empatia 

 

 

 


Conclusione

Ora che Haruma ha dato il via al primo dei suoi sessanta giorni di esercitazione, può ritenersi pronto per affrontare al meglio i due mesi successivi.

Nei prossimi mesi, Haruma, seguirà il consiglio della signora Ena: individuerà una persona al giorno e, nei cinque minuti successivi, si porrà tre domande.

  • A cosa starà pensando quella persona?
  • Quali saranno le emozioni che sta vivendo?
  • Quali saranno le azioni che compierà nei prossimi minuti?

Una volta terminati i sessanta giorni, il giovane giapponese tornerà al villaggio più empatico e pronto per cogliere un nuovo esercizio da parte della Signora Ena: la Donna dell’Empatia del villaggio di Gokayama.

In Giappone tornerà a brillare l’unicità di Haruma.

 

Soft skills, intelligenza emotiva e crescita personale 

 

  

 

_  

Congratulazioni per aver concluso questa Learning Story.

Se vuoi contribuire alla nostra missione, condividi ora questa storia con le 3 persone che sai già ne avranno beneficiato.

In questo modo avrai aiutato altre persone come te ad esaltare la propria unicità.

Tutto questo per ridonare dignità all'essere umano. 

 

 

 

Scopri le nuove uscite, qui →