Coaching aziendale: come performare con il modello Weekly Coaching.

 

L’obiettivo di ogni azienda è rendere le persone più autonome.

Più autonome nel risolvere i propri problemi.

Più autonome nell’ideare nuove soluzioni.

Più autonome nel rialzarsi dai momenti di difficoltà.

 

Esiste un modello di coaching aziendale (utilizzato dalle aziende più innovative al mondo) per rendere le persone più autonome.

Un modello utilizzato anche dagli atleti professionisti e dai soldati dell’esercito.

Un modello che può essere implementato in pochi minuti in qualsiasi team aziendale.

Un modello che avrà permesso ai vostri collaboratori di essere più efficienti, più efficaci e più performanti.

Il modello si chiama Weekly Coaching.

E ora lo vedremo insieme.

Stiamo per iniziare il 17° episodio di Moonly TRAINING.

Partiamo.

 

 Coaching aziendale per aumentare la performance e l'autonomia




 

In questo episodio risponderemo alle seguenti domande:

  1. Qual è il rischio che le aziende stanno correndo in termini di “autonomia delle persone”?
  2. Qual è un modello di coaching aziendale utilizzato dalle più innovative aziende al mondo?
  3. In che modo il Coaching aziendale sta rivoluzionando la performance delle persone?
  4. Quali sono gli step fondamentali del modello Weekly Coaching?
  5. Per quale motivo questo modello viene utilizzato dagli atleti professionisti?
  6. Quali sono gli strumenti necessari per implementare fin da subito il modello Weekly Coaching?
  7. Quanto tempo dovrà investire la persona per svolgere questo esercizio di Coaching aziendale?
  8. Qual è un esempio pratico di implementazione del modello Weekly Coaching?



 

luna piena moonly

Moonly

 

Come sempre, massima trasparenza.

  • L'episodio che stiamo per iniziare non contiene alcuna pubblicità o link di affiliazione.
  • Abbiamo scelto lo sfondo nero per non stancare i tuoi occhi.
  • Più il luogo nel quale ti trovi è buio migliore sarà la tua esperienza di apprendimento.
  • Ci piacerà leggere il tuo feedback anonimo qui.
  • Se vuoi ottimizzare il tuo tempo puoi scaricare l'estratto dell'episodio qui.
  • La maggior parte degli episodi sono realizzati in collaborazione con il nostro pool di Psicologi, Business Coach e Data Scientist che stanno portando avanti il nostro progetto di Auto-leadership.
  • Se preferisci la modalità "video", qui sotto trovi il video dell'episodio (il testo è più ricco di dettagli).

 

 


 

 

 

 

 

 

Coaching aziendale e autonomia.

Se vi è un problema al giorno d’oggi nelle aziende, quello si chiama “mancanza di autonomia”.

Le aziende vorrebbero collaboratori più autonomi.

Le persone vorrebbero sentirsi più autonome.

Insomma, entrambe le parti vogliono la stessa cosa.

Eppure, sembra che questa tanto gettonata “autonomia” sia difficile da coltivare.



 

Autonomia e coaching aziendale

 




Il Coaching aziendale ha tra i suoi vari obiettivi proprio quello di rendere le persone autonome e indipendenti.

Quindi, per quale motivo si fa così tanta difficoltà a coltivare l’autonomia in azienda?

Il motivo è molto semplice: si tende a voler portare in azienda tecniche troppo difficili e sofisticate.

Questo distoglie le aziende dalle basi fondamentali.

Distoglie il focus da esercizi semplici e pratici che potrebbero fare un’enorme differenza nel lungo periodo.


 

 

Esercizi di coaching aziendale

 



Quello che vedremo fra poco è appunto un esercizio di coaching che dovrebbe essere applicato all’interno di ogni azienda.

Ogni persona dovrebbe saper applicare questo semplice metodo di coaching nella propria vita professionale.



 

Metodo di coaching aziendale

 

 


La mancanza di autonomia è molto rischiosa, soprattutto nell’era che stiamo vivendo.

La mancanza di autonomia infatti, provoca uno dei danni più deleterei all’azienda: la ripetizione continua degli stessi errori.

 

 

 

Gli errori e il coaching




Cosa intendo con “ripetizione continua degli stessi errori”?

Te lo spiego subito.

Una persona autonoma è una persona che apprendere continuamente dai propri errori e ne fa tesoro.

Avendo appreso dai propri errori (e avendoli compresi in profondità) difficilmente la persona compirà gli stessi errori in futuro.




Risultati coaching aziendale

 

 

Una persona che invece non è autonoma e continua ad essere aiutata (o controllata) dal manager non ha ben chiaro quali sono i suoi “errori frequenti”.

Non conoscendo i propri errori continuerà a compierli per giorni, mesi e a volte anni.


 

 

Benefici del coaching aziendale

 




Cosa pensi accadrà a tutte quelle aziende che non coltivano l’autonomia in azienda?

Esatto, si ritroveranno ad avere persone che commettono sempre gli stessi errori.

Persone che non riescono ad apprendere dalle proprie esperienze.



 

Errori comuni in azienda

 



La crescita delle persone (e quindi la crescita aziendale) è strettamente collegata con la capacità di dare un senso alle proprie esperienze.

Ogni esperienza ci può portare a vincere o a perdere.

Imparare da queste vittorie e da queste sconfitte avrà reso i vostri collaboratori più autonomi e di conseguenza più performanti.




 

 

 

 

Coaching aziendale e pause settimanali

Prova a riflettere per qualche istante.

Quand’è stata l’ultima volta che i vostri collaboratori si sono presi una pausa per riflettere sulle proprie esperienze lavorative?

Quand’è stata l’ultima volta che il tuo team ha stoppato il proprio lavoro e si è preso un momento per comprendere ciò che sta funzionando e ciò che invece non sta funzionando?



 

Pause di coaching in azienda

 



Molte aziende (le meno innovative) non hanno ancora compreso che la riflessione sulle proprie esperienze lavorative è il metodo più veloce per far crescere i propri collaboratori.

Altre aziende invece (quelle più innovative) hanno compreso che imparare dalle proprie vittorie e dalle proprie sconfitte è la chiave per un’evoluzione rapida e sostenibile nel tempo.




 

Il coaching e un acceleratore di crescita

 




Ora vorrei farti riflettere su un concetto molto semplice.

Immagina un atleta.

Un atleta che si sta preparando per la prossima olimpiade.

L’olimpiade avverrà fra due anni.



 

Esempio coaching atleta alle olimpiadi

 

 




Secondo te, che cosa farà l’atleta per prepararsi al meglio?

Molto probabilmente:

  • si allenerà costantemente;
  • si nutrirà in modo funzionale;
  • praticherà regolarmente del training autogeno o del “lavoro mentale”;
  • perfezionerà la sua tecnica (qualsiasi sport ha una tecnica).


Tutto qui?

Non proprio.

L’atleta, oltre a svolgere una serie di azioni abitudinarie, inserirà tra le sue abitudini anche un momento di riflessione.


 

Prendersi un momento di riflessione per svolgere del coaching




Un momento nel quale riflettere sull’andamento delle varie attività.

Molto probabilmente infatti, l’atleta si prenderà alcuni minuti al giorno o alla settimana per analizzare i propri risultati.

Analizzerà:

  • se l’allenamento sta portando i risultati ambiti
  • se la nutrizione sta portando i risultati ambiti
  • se il lavoro mentale sta portando i risultati ambiti
  • se la propria tecnica sta portando i risultati ambiti


 

Risultati ambiti nel coaching in azienda

 



In sostanza analizzerà costantemente il suo lavoro capendo:

  • che cosa sta funzionando 
  • che cosa non sta funzionando.

In questo modo avrà un elenco delle:

  • piccole vittorie che sta ottenendo
  • piccole sconfitte che sta ottenendo.



Esercizio pratico di coaching aziendale

 




Naturalmente non ti dico questo per “sentito dire”.

Come forse già saprai, in passato ho praticato sci di fondo a livello agonistico.

Tutto ciò che ti ho appena elencato è esattamente ciò che facevo anch’io.

Ogni settimana infatti, mi prendevo del tempo per analizzare ciò che stava funzionando e ciò che invece non stava funzionando.


A quel punto ne parlavo con il mio allenatore, e si valutava:

  • cosa era bene iniziare a fare
  • cosa era bene smettere di fare
  • cosa era bene fare un po’ di più
  • cosa era bene fare un po’ di meno.

La domanda ora è: per quale motivo le persone in aziende non hanno la possibilità di effettuare queste pause di riflessione?

Cosa stanno aspettando alcune aziende nel consigliare ai propri collaboratori di fermarsi (qualche minuto alla settimana) per riflettere?




 

Le aziende che non adottano il coaching aziendale

 



Dalla mia esperienza, non c’è azienda che non voglia crescere in modo rapido.

Eppure queste aziende sembrano non capire che la chiave della rapidità sta proprio nell’analisi continua delle proprie azioni.

  • L’analisi continua delle proprie vittorie (anche piccole).
  • L’analisi continua delle proprie sconfitte (anche piccole).



 

Esercizio specifico di coaching per team aziendali




Vittorie come:

  • essere riuscito a chiudere una vendita;
  • aver creato una campagna marketing molto performante;
  • aver scritto del codice per il nuovo software in modo ottimale;
  • aver risolto una serie di problemi al cliente;
  • aver svolto un video di presentazione aziendale molto coinvolgente.


 

Le vittorie e i successi del business coaching




Ma anche sconfitte come:

  • non essere riuscito a chiudere una vendita;
  • aver creato una campagna marketing non particolarmente performante;
  • aver sbagliato nella scrittura del codice per il software;
  • non essere riuscito a risolvere un problema a un cliente;
  • aver svolto un video di presentazione aziendale poco coinvolgente;

 

 

Sconfitte e delusioni nel business coaching

 

 

 

Le vittorie e le sconfitte vengono vissute da qualsiasi professionista.

Sia che il professionista lavori:

  • in ambito sportivo (vedi “atleti”);
  • in ambito militare (vedi “soldati”);
  • in ambito aziendale (vedi “collaboratori”).


 

Sport, esercito e business coaching

 



Ogni atleta si prende delle pause per analizzare le proprie vittorie e le proprie sconfitte.

Ogni soldato si prende delle pause per analizzare ciò che sta funzionando e ciò che non sta funzionando.

E perché alcuni collaboratori in azienda non si prendono il tempo per analizzarsi?

Sono forse privi di vittorie e sconfitte?

Certo che no.

Vediamo quindi il modello Weekly Coaching da poter offrire a tutti i vostri collaboratori.

 

 

 

 

_

Momento di riflessione: che correlazione c'è tra Coaching e Formazione?

Al minuto 0:11 (del video che trovi qui sotto) capiamo come la formazione collaborativa può rendere le persone più autonome.



Qui troverai l'episodio completo.

 

 

 

 

 

Coaching aziendale: il modello Weekly Coaching

Ora che abbiamo capito che l’autonomia sta alla base di un professionista performante, capiamo come utilizzare il Coaching aziendale per rendere i vostri collaboratori più autonomi.

Il modello che andremo a vedere si chiama Weekly Coaching, e come avrai già capito:

  • è un modello che si basa sul Coaching aziendale;
  • è un modello che deve essere effettuato settimanalmente.



 

Frequenza coaching aziendale

 

 


Ora potresti chiederti: “possiamo utilizzare questo esercizio di Coaching in modo sporadico?”

Tutto è possibile nella vita.

I risultati però non sarebbe gli stessi.

Mi spiego meglio.

Alla base del modello Weekly Coaching ci sta la crescita rapida.

In sostanza, questo modello vuol far crescere rapidamente le persone.



 

Crescita rapida grazie al coaching aziendale

 



Come facciamo a far crescere velocemente le persone?

Dobbiamo permettere loro di auto-analizzarsi continuamente, e imparare dalle proprie esperienze.

Questo ci fa capire che:

  • più volte ci analizzeremo (e di conseguenza impareremo) più velocemente cresceremo;
  • meno volte ci analizzeremo (e di conseguenza impareremo) meno velocemente cresceremo.


Di conseguenza:

  • più questo modello (Weekly Coaching) verrà utilizzato, più velocemente le persone cresceranno.
  • meno questo modello (Weekly Coaching) verrà utilizzato, meno velocemente le persone cresceranno.


 

Grafico coaching aziendale

 




Detto ciò, sappi che questo modello si può utilizzare:

  • a cadenza giornaliera: solo per aziende in fortissima crescita e con produttività elevatissima;
  • a cadenza settimanale: ottimo per le aziende in forte crescita;
  • a cadenza bimensile: ottimo per le aziende con crescita media;
  • a cadenza mensile: ottimo per le aziende con crescita lenta.


 

Modello coaching aziendale

 



Secondo la mia esperienza, questo modello è ottimale a cadenza settimanale (per questo motivo si chiama Weekly Coaching).

La cadenza settimanale è una cadenza sostenibile nel tempo, e crea una sana abitudine nelle persone.


 

 

Sostenibilità e abitudini di coaching

 



La cadenza giornaliera è sostenibile solamente per brevi periodi e solo per persone che mettono la crescita come focus prioritario.

Io personalmente utilizzo il modello a cadenza giornaliera (Daily Coaching) solamente in periodi particolari nei quali si effettuano degli Sprint aziendali molto intensi.

Periodi nei quali è necessario auto-analizzarsi ogni singolo giorno

A mio parere però, non è un’attività sostenibile nel tempo.




 

Coaching aziendale giornaliero






Fatta questa doverosa premessa iniziamo a capire com'è strutturato questo esercizio di Coaching aziendale.

Il modello Weekly Coaching è un esercizio che consiste nel rispondere a 3 semplici domande.

In sostanza, ogni persona all’interno del team specifico, dovrà rispondere personalmente a tre domande.

Tre domande alle quali bisognerà dare risposta una volta alla settimana.




 

Domande di coaching in azienda




Solitamente consigliamo di rispondere a queste domande il venerdì, al termine della settimana. 

Tuttavia, il giorno può essere qualsiasi

L’importante è che alla persona vengano dati almeno 30 minuti di tempo per analizzarsi.

  • Se deciderete di optare per un Coaching giornaliero basteranno 10 minuti al giorno.
  • Se deciderete di optare per un Coaching bimensile vi serviranno almeno 60 minuti (ogni due settimane)
  • Se deciderete di optare per un Coaching mensile vi serviranno circa 90 minuti (ogni mese).

 

 

 

Modello pratico di coaching aziendale




Prima di analizzare le tre domande è bene fare una precisazione.

Come vedremo fra poco, tutte le risposte alle domande dovranno essere salvate all’interno di un Database.

Questo consentirà a tutte le persone del Team di leggere le risposte degli altri colleghi.

Addirittura, potreste dare la possibilità di vedere le risposte di tutte le persone facente parte l'azienda. 

Il Database potrebbe essere un semplice Foglio Excel o Google Sheet.

Io vi consiglio Airtable (non prendiamo un euro per consigliarlo).

 



 

Database per monitorare il coaching in azienda

 




Detto ciò, le persone avranno due possibilità:

  • o scriveranno le risposte direttamente nel Database;
  • oppure scriveranno le risposte in un form esterno che poi verrà collegato al Database (con Airtbale è possibile utilizzare i loro form interni).

Capiremo poi il perché sia fondamentale avere un Database dove salvare tutte le risposte.

In sostanza, renderete questo “investimento di tempo” un investimento ancor più impattante e funzionale per la vostra azienda.



 

Business coaching impattante e funzionale

 



Iniziamo quindi a vedere la parte teorica del modello Weekly Coaching.

Poi, come promesso, passeremo alla parte pratica.






 

 

Weekly Coaching: parte Teorica

Il Weekly Coaching è un esercizio che si basa sulla risposta a tre domande

Tre domande che, a primo impatto, potrebbe sembrare banali.

In realtà però, sono le domande che:

  • ogni azienda innovativa fa porre ai propri collaboratori;
  • ogni atleta si pone;
  • ogni soldato si pone.



Tre punti di business coaching



 

 

Prima domanda: quali sono le tre più importanti vittorie che ho vissuto questa settimana?

Questa domanda ha l’obiettivo di far ragionare la persona su quali siano state le tre più importanti vittorie (ossia, i tre più importanti successi) che ha vissuto durante la settimana appena trascorsa.



 

Prima domanda esercizio coaching aziendale



In sostanza, la persona si prenderà del tempo e rifletterà su quali siano state le tre attività (di sua piena responsabilità) che hanno funzionato particolarmente bene.

Vediamo ora tre importanti precisazioni.




Prima precisazione.

Le vittorie (detti anche “successi”) devono essere di piena responsabilità della persona. 

Ad esempio, non va bene indicare come vittoria “l’acquisizione di un nuovo cliente da parte del proprio collega”.



 

Coaching e responsabilità

 



Seconda precisazione.

La persona dovrà focalizzarsi solamente sulle tre vittorie più importanti

Non una, non due, e nemmeno quattro.

Tre è il numero ideale.



 

Il numero tre nel coaching

 


Perché questo?

I motivi sono diversi:

  • la persona si abituerà a scavare in profondità e a trovare le vittorie anche dove non credeva di trovarle;
  • la persona si focalizzerà solamente sulle vittorie più importanti;
  • la persona terrà a mente più facilmente tre vittorie, rispetto a tenerne a mente 4,5,6...


Importante:

  • nel caso svolgiate questo esercizio a cadenza giornaliera, sarà sufficiente identificare una sola vittoria;
  • nel caso svolgiate questo esercizio a cadenza bimensile, è bene identificare le 5 più importanti vittori;
  • nel caso svolgiate questo esercizio a cadenza mensile, è bene identificare le 10 più importanti vittorie.


 

Modulo di coaching aziendale




Il problema nello svolgere questo esercizio a cadenza mensile (ad esempio) è che si fa fatica a ricordarsi tutto ciò che è successo nel mese appena trascorso.

Di conseguenza, il tempo nello svolgere questo esercizio non sarà ben investito.

Altro discorso nel caso in cui la vostra azienda vivesse una crescita molto lenta.

A quel punto, essendoci meno stimoli in azienda vi saranno anche meno vittorie


 

 

Stimoli di crescita nel coaching

 




Terza precisazione.

L’obiettivo dell’identificazione di queste vittorie non è solamente comprendere ciò che ha funzionato bene nella settimana appena trascorsa, ma anche:

  • gratificarsi settimanalmente per il lavoro svolto (lo stress che le persone vivono al lavoro deriva anche da una mancanza di gratificazione continua); 
  • comprendere le vittorie dei colleghi di team (grazie alla visione delle risposte all’interno del Database).


 

Coaching aziendale e gratificazione e comprensione

 




Poi, vedremo un esempio pratico di tutto ciò.

Veniamo ora alla seconda domanda. 






Seconda domanda: quali sono le tre più importanti sconfitte che ho vissuto questa settimana?

Questa domanda ha l’obiettivo di far ragionare la persona su quali siano state le tre più importanti sconfitte (ossia, i tre più importanti insuccessi) che ha vissuto durante la settimana appena trascorsa.

Attenzione: notare le due parole vicine “importanti insuccessi”. 

Per svolgere al meglio questo esercizio è infatti fondamentale che in azienda venga accettato l’insuccesso, ovverosia l’errore.

In questo modo la persona potrà sbagliare la prima volta, e non sbagliare più la seconda volta (grazie al modello Weekly Coaching)


 

 

Seconda domanda esercizio coaching in azienda

 



In sostanza, la persona si prenderà del tempo e rifletterà su quali siano state le tre attività (di sua piena responsabilità) che non hanno funzionato.

Vediamo ora tre importanti precisazioni.



Prima precisazione.

Le sconfitte (dette anche “insuccessi”, “fallimenti”, “errori”, “sbagli”) devono essere di piena responsabilità della persona.

Ad esempio, non va bene indicare come sconfitta “il mio collega si è lasciato sfuggire un possibile cliente”.


 

Business coaching: come aumentare la responsabilità delle persone

 

 


Seconda precisazione.

La persona dovrà focalizzarsi solamente sulle tre sconfitte più importanti

Non una, non due, e nemmeno quattro.

Tre è il numero ideale.



 

Business coaching e il numero tre

 


Perché questo?

I motivi sono diversi:

  • la persona si abituerà a scavare in profondità e a trovare le sconfitte anche dove non credeva di trovarle;
  • la persona si focalizzerà solamente sulle sconfitte più importanti, così da non ripeterle in futuro.
  • la persona terrà a mente più facilmente tre sconfitte, rispetto a tenerne a mente 4,5,6...

 

Importante:

  • nel caso svolgiate questo esercizio a cadenza giornaliera, sarà sufficiente identificare una sola sconfitta;
  • nel caso svolgiate questo esercizio a cadenza bimensile, è bene identificare le 5 più importanti sconfitte;
  • nel caso svolgiate questo esercizio a cadenza mensile, è bene identificare le 10 più importanti sconfitte.


 

Modello di coaching da utilizzare in azienda



 

Terza precisazione.

L’obiettivo dell’identificazione di queste sconfitte non è solamente comprendere ciò che non ha funzionato bene nella settimana appena trascorsa, ma anche:

  • accettare l’errore (molte persone soffrono di stress perché non riescono ad accettare l’errore);
  • comprendere che l’errore fa parte del gioco (ogni atleta sbaglia);
  • comprendere che l’errore è consentito (la prima volta) e grazie a questo modello potrà non essere ripetuto in futuro;
  • comprendere le sconfitte dei colleghi di team (grazie alla visione delle risposte all’interno del Database).

 

Accettare e comprendere l'errore nel coaching in azienda

 



Nell’esempio pratico che vedremo fra poco, capiremo tutto.

Passiamo ora alla terza domanda.







Terza domanda: quali sono i tre più importanti insegnamenti che ho vissuto questa settimana?

Questa domanda ha l’obiettivo di far ragionare la persona su quali siano stati i tre più importanti insegnamenti che ha vissuto grazie alle vittorie e alle sconfitte appena descritte.

Questo ci fa comprendere che non è possibile rispondere a questa terza domanda se non abbiamo prima risposto alle prime due. 



 

Terza domanda: insegnamenti grazie al coaching



In sostanza, la persona si prenderà del tempo e si chiederà: “delle tre vittorie e delle tre sconfitte che ho vissuto, quali sono i 3 insegnamenti che porterò con me?

Prenderà quindi 3 delle 6 attività che ha appena scritto (3 vittorie + 3 sconfitte) e da queste tre attività estrapolerà un insegnamento a testa.




Esercizi di coaching per colleghi



Mi spiego meglio.

La persona avrà identificato:

  • Vittoria A
  • Vittoria B
  • Vittoria C

Inoltre avrà identificato:

  • Sconfitta X
  • Sconfitta Y
  • Sconfitta Z

 

Modelli pratici di coaching aziendale

 


A questo punto si chiederà: “da quali di queste vittorie (A,B e C) e di queste sconfitte (X,Y, e Z) voglio trarre degli insegnamenti?”

La persona potrebbe decidere di trarre tre insegnamenti da:

  • Vittoria B
  • Sconfitta X
  • Sconfitta Z

 

 

Implementare il coaching in azienda




A questo punto, si chiederà: 

  • Qual è l’insegnamento che porta con me dalla Vittoria B?
  • Qual è l’insegnamento che porta con me dalla Sconfitta X?
  • Qual è l’insegnamento che porta con me dalla Sconfitta Z?




 

Gli insegnamenti del coaching aziendale

 

 


Nella pratica capiremo tutto.

Nel frattempo vediamo tre importanti precisazioni.





Prima precisazione.

L’insegnamento dovrà provenire da se stesso/a.

Quindi, non dovrà essere un insegnamento consigliato da qualche collega.


 

 

Insegnamenti personali grazie al business coaching




 

Seconda precisazione

La persona dovrà identificare un solo insegnamento per sconfitta/vittoria.

Avendo scelto solamente 3 sconfitte/vittorie gli insegnamenti totali saranno 3.


Importante:

  • nel caso svolgiate questo esercizio a cadenza giornaliera, la persona avrà identificato un solo insegnamento;
  • nel caso svolgiate questo esercizio a cadenza bimensile, la persona avrà identificato 5 insegnamenti;
  • nel caso svolgiate questo esercizio a cadenza mensile, la persona avrà identificato 10 insegnamenti.



 

Modello di coaching da implementare in azienda



 

A mio parere, ottenere 10 insegnamenti “in un colpo solo” equivale a creare molta confusione.

Per questo motivo il mio consiglio è di adottare la cadenza settimanale.

In alternativa potete svolgere questo esercizio mensilmente, identificando solamente 3 insegnamenti.

La crescita aziendale però non sarà la stessa.

Questo perché le persone non avranno compreso:

  • tutto ciò che ha funzionato 
  • e tutto ciò che non ha funzionato.



 

Comprendere tutto in azienda grazie ai modelli di coaching strategico




 

Terza precisazione

L’obiettivo dell’identificazione di questi insegnamenti è:

  • essere consapevoli che da ogni vittoria si può imparare, migliorare e crescere;
  • essere consapevoli che da ogni sconfitta si può imparare, migliorare e crescere;
  • essere consapevoli che è fondamentale replicare le vittorie ottenute in passato anche in futuro (se funzionale);
  • essere consapevoli che è fondamentale non ripetere due volte lo stesso errore.

Passiamo ora ai risultati.



 

Coaching aziendale strategico




  

Risultati

Vediamo i risultati che avranno ottenuto i vostri collaboratori non appena avranno applicato questo modello.

  • I vostri collaboratori riusciranno a comprendere le proprie vittorie (cosa ha funzionato) e riusciranno a replicare le vittorie in futuro (spesso le persone non si accorgono delle proprie vittorie, e così non possono replicarle in futuro).

  • I vostri collaboratori riusciranno a comprendere le proprie sconfitte (cosa non ha funzionato) e riusciranno a non replicare le sconfitte in futuro (spesso le persone non si accorgono delle proprie sconfitte, e così non possono schivarle in futuro).

  • I vostri collaboratori riusciranno a comprendere gli insegnamenti che gli avranno permesso di crescere più rapidamente.



Strategie di coaching in azienda

 



Inoltre, grazie alla presenza del Database:

  • vostri collaboratori riusciranno a comprendere le vittorie dei propri colleghi. Capiranno quindi quali sono le cose che hanno funzionato, e come replicare queste vittorie nella propria vita.

 

  • vostri collaboratori riusciranno a comprendere le sconfitte dei propri colleghi. Capiranno quindi quali sono le cose che non hanno funzionato e come non cadere anch’essi nel tranello.

 

  • vostri collaboratori riusciranno a comprendere gli insegnamenti dei propri colleghi. Avranno quindi una via prioritaria al successo.


 

I risultati ecologici del coaching




Tutto ciò, ti sta già facendo capire che:

  • Il Database diventerà una nuova piattaforma di e-learning, da associare alla formazione aziendale (le persone apprendono tramite esperienze altrui).

  • Il Database sarà fondamentale in tutte le attività di Upskilling e Reskilling (le persone da “upskillare” e “reskillare” avranno insegnamenti pratici da cui attingere).

  • Il Database sarà fondamentale per tutti i nuovi assunti (avranno cristallizzata l’esperienza dei propri colleghi ed ex-collaboratori).



 

Risultati esercizio weekly coaching




Arrivati a questo punto, come promesso, vediamo un esempio pratico.




 

_

Momento di riflessione: qual è la connessione tra Coaching e Problem solving?

Al minuto 01:26 (del video che trovi qui sotto) ti racconto un aneddoto che potrà esserti utile in azienda.

 

Qui troverai l'episodio completo.

 

 

 

 

 

Weekly Coaching: parte Pratica

Abbiamo quindi capito che un esercizio di Coaching efficace è il modello Weekly Coaching.

La domanda ora è: “come può essere implementato in modo pratico in azienda?”

Il mio consiglio è quello di fare in modo che ogni Team Leader (o manager) della vostra azienda spieghi questo esercizio ai propri colleghi di Team.

In questo modo riuscirete a scalare questo esercizio in modo rapido e lo potrete implementare immediatamente.

Io --> TU --> Team Leader --> Colleghi

 

Esempio coaching scalabile



 

Vediamo quindi un esempio pratico.

 

Immagina Luna, una Customer Care Specialist.

 

 

 

Luna

 



Luna, il venerdì alle ore 14:00 riceve una mail dal proprio Team Leader che le ricorda di svolgere l’esercizio.

In alternativa, il Team Leader potrà responsabilizzare Luna affinché si ricordi in autonomia di svolgerere l’esercizio ogni venerdì.

Questo non vale solo per Luna, ma anche per Marco, Cloe, Giulio, Sebastiano, Andrea, Anna e Valentina (le persone del team).



 

Responsabilizzare i propri colleghi di lavoro

 



Luna, quindi, si prende 30-60 minuti di tempo e inizia a rispondere alla prima domanda.


Prima domanda: quali sono le tre più importanti vittorie che ho vissuto questa settimana?

 

 

Leadership e coaching prima domanda

 



Luna riflette per alcuni minuti (10-20 minuti) e scrive le sue tre più importanti vittorie settimanali.


Ecco le sue risposte.

  • Sono riuscita a risolvere un importante problema che stava turbando un nostro cliente.
  • Ho aiutato il mio collega Andrea ad entrare in contatto con un possibile cliente.
  • Ho creato la nuova sezione FAQ del sito.


Ottimo, verifichiamo se Luna è stata brava:

  1. Le vittorie sono sotto la sua piena responsabilità? (Sì)
  2. Le vittorie sono tre? (Sì)
  3. Le vittorie sono state riportate nel Database? (Sì, le sta scrivendo direttamente nel database)



Risultati leadership coaching




Perfetto, Luna ha fatto un ottimo lavoro.

Decide ora di passare alla seconda domanda.




Seconda domanda: quali sono le tre più importanti sconfitte che ho vissuto questa settimana?

 


Esercizio leadership coaching

 

 

Luna riflette per alcuni minuti (10-20 minuti) e scrive le sue tre più importanti sconfitte settimanali.


Ecco le sue risposte.

  1. A causa della mia frettolosità ho risposto a un cliente con un tono “non particolarmente gentile”.
  2. Non ho voluto aiutare il mio collega Sebastiano nel risolvere un suo problema.
  3. Mi sono dimenticata di creare i video-tutorial da inviare ai nostri clienti.


Verifichiamo se Luna è stata brava:

  1. Le sconfitte sono sotto la sua piena responsabilità? (Sì)
  2. Le sconfitte sono tre? (Sì)
  3. Le sconfitte sono state riportate nel Database? (Sì, le sta scrivendo direttamente nel database)

 

Benefici leadership coaching in azienda

 



Perfetto, Luna ha fatto un ottimo lavoro.

Decide ora di passare alla terza domanda.




Terza domanda: quali sono i tre più importanti insegnamenti che ho vissuto questa settimana?

 

 

Modello pratico leadership coaching aziendale

 

 


Luna riflette per alcuni minuti (10-20 minuti) e, prima di tutto si chiede: “su quali vittorie/sconfitte voglio focalizzarmi per trarre degli insegnamenti?”

La sua risposta è la seguente.

Vorrò focalizzarsi:

  • sulla vittoria n°2
  • sulla sconfitta n°1
  • sulla sconfitta n°3

 

Risultati ottenuti grazie al coaching

 


Luna quindi, si sta preparando per trarre degli insegnamenti dalle seguenti vittorie/sconfitte:

  • Vittoria n°2: Ho aiutato il mio collega Andrea ad entrare in contatto con un possibile cliente.
  • Sconfitta n°1: Ho risposto a un cliente con un tono "non particolarmente gentile".
  • Sconfitta n°3: Mi sono dimenticata di creare i video-tutorial da inviare ai nostri clienti.


Esercizio modulare di coaching e leadership

 




Vediamo quali insegnamenti riesce a ricavare.


Insegnamento n°1 (estratto dalla vittoria n°2)

Aiutare i miei colleghi mi fa sentire più realizzata e mi permette di creare un bel rapporto con essi. 

 

Insegnamento n°2 (estratto dalla sconfitta n°1)

Prima di parlare con un cliente devo ricordarmi quali sono i valori che caratterizzano me stessa e che allo stesso modo caratterizzano l’azienda

 

Insegnamento n°3 (estratto dalla sconfitta n°3)

Per essere più precisa e puntuale utilizzerò un software per la gestione delle attività.



 

Insegnamenti grazie alla leadership coaching





Capiamo che cosa è cambiato in Luna in questi pochi minuti di lavoro su se stessa.



Insegnamento n°1

Luna ha capito che aiutare i propri colleghi la fa sentire più realizzata e più in relazione con loro.

Ciò significa che da adesso in poi si sentirà più spronata ad aiutarli nei momenti di difficoltà.

Inoltre, sarà ancor più motivata a compilare il Weekly Coaching, dato che è uno strumento che aiuta non solo se stessi, ma anche gli altri.

 



Modello di esempio coaching in azienda

 

 

Insegnamento n°2

Luna ha capito che rispondere al cliente quando si è di fretta non porta ottimi risultati. 

Ha molto più senso calmare lo stress di quel momento, e aspettare qualche minuto che tutto torni alla normalità.

Quando si sarà sentita meno tesa potrà rispondere in modo più gentile.

Il cliente sarà più soddisfatto e il business performerà maggiormente.



 

Esercizi coaching per le aziende

 





Insegnamento n°3

Luna ha capito che non può tenere tutto a mente

Per questo motivo decide di abbonarsi gratuitamente ad Airtbale (non prendiamo un euro per consigliarlo, e nemmeno Luna prende un euro) così da tenere ben ordinate le attività da svolgere.

Luna darà questo consiglio anche alla sua collega Cloe.

In questo modo, non solo avrà aiutato Cloe a essere più organizzata, ma si sentirà anche più realizzata e più in relazione con lei (vedi insegnamento n°1).

 

 

 

Coaching leadership esercizio

 



Ottimo.

In soli 30-60 minuti Luna ha ottenuto gli insegnamenti (e la conseguente crescita) che le persone di altre aziende “più tradizionali” ottengono in mesi di lavoro.

Luna è stata stra-ordinaria.

Straordinaria = lontana "dall'ordinario".

 

La luna infatti, è straordinaria.

È lontana dall'ordinario (Pianeta Terra).

 

 

 

luna piena Moonly nascita

 




Gli stessi insegnamenti, ora, potranno ottenerli i vostri collaboratori.

Tutto ciò se ti prenderai la responsabilità di condividere questo esercizio con loro.

E se lo reputi valido, naturalmente. 

La responsabilità, ora, è tua

Non di qualcun’altro.

Non del Top management o di qualche strana entità aziendale.

Semplicemente tua :)

 

 

 

Leader responsabili




___

Prima di concludere l'episodio

Prima di passare alla parte conclusiva di questo episodio ti invito a scaricare il nostro Moonly PLAYBOOK, il manuale strategico da leggere in 1 minuto

Scaricandolo ora:

  • avrai cristallizzate tutte le strategie pratiche che abbiamo trattato in questo episodio, senza correre il pericolo di dimenticartele
  • potrai tenere sempre con te le strategie pratiche da applicare in azienda, senza dover tornare nuovamente in questo episodio per rileggerle;
  • potrai condividere le strategie appena apprese direttamente con i tuoi colleghi, senza rischiare di dimenticarti ciò che hai appena letto. 

 

Coaching aziendale settimanale

 

 

 

 

 

Conclusione

Anche questo episodio (come gli altri) sta terminando.

In questo episodio abbiamo capito che:

  • L’autonomia è la chiave segreta delle aziende di successo.
  • Il coaching aziendale avrà aiutato i vostri collaboratori ad essere più autonomi.
  • Il modello Weekly Coaching avrà aiutato i vostri team a performare al meglio.


Il Modello Weekly Coaching si basa sue tre domande fondamentali:

  • Quali sono le tre più importanti vittorie che ho vissuto questa settimana?
  • Quali sono le tre più importanti sconfitte che ho vissuto questa settimana?
  • Quali sono i tre più importanti insegnamenti che ho vissuto questa settimana?




Vittorie sconfitte insegnamenti esercizio coaching

 



Questo modello avrà permesso ai vostri collaboratori di:

  • Apprendere dalle proprie vittorie (e dalle vittorie dei propri colleghi).
  • Apprendere dalle proprie sconfitte (e dalle sconfitte dei propri colleghi).
  • Apprendere dai propri insegnamenti (e dagli insegnamenti dei propri colleghi).



 

Metodo teorico-pratico di coaching nel business




 

Tutto ciò avrà permesso alle persone di essere più autonome, e di conseguenza:

  • Il manager potrà togliersi il “mantello del manager” e indossare “l’uniforme da Leader”.
  • Le persone si sentiranno più indipendenti, libere e realizzate.
  • Il business riuscirà a crescere in modo rapido, sostenibile ed eccellente.

 

 

Benefici coaching nel business



 

Inutile dirti che questo modello lo potrete utilizzare anche come strategia di Employer Branding.

Come ben sai:

  • ...non tutte le aziende sono così innovative.
  • ...non tutte le aziende sono così stimolanti.
  • ...non tutte le aziende sono così attraenti.

 

Risultati conclusivi business coaching




 

Congratulazioni per aver terminato il 17° episodio di Moonly TRAINING.

Spero che le strategie che ti abbiamo offerto potranno esserti d'aiuto.

Ti sarei davvero grato se investissi 30 secondi del tuo tempo per lasciarci un tuo feedback anonimo qui (nessuna mail richiesta).

Inoltre, sentiti libero/a di condividere il link di questo episodio con tutte le persone che sai già potranno beneficiarne.

Avrai contribuito alla nostra missione.

Grazie, e a presto.

Ciao.

_

"Tutto questo per esaltare l'unicità delle persone, facendovi diventare un'azienda unica."

 

Moonly

 

 

 

_

 Accedi a Moonly TV. Gratis.

Le migliori strategie pratiche utilizzate dalle aziende più innovative al mondo per esaltare l'unicità delle persone attraendo, potenziando e motivando talenti unici.Moonly TV: attrarre, potenziare e motivare i propri collaboratori