Comunicazione interna aziendale: le 5 persone che popolano l'azienda.

 

Ogni persona in azienda è unica.

E insieme alla propria unicità porta con sé un modo altrettanto unico di comunicare.

Comprendere il modo di comunicare dei propri collaboratori avrà permesso di migliorare la comunicazione interna aziendale.

Aiutare i vostri collaboratori a conoscere il modo di comunicare dei propri colleghi avrà permesso di migliorare il clima all’interno del team.

 

Esistono principalmente 5 tipologie di comunicatori in azienda.

Di conseguenza, esistono 5 modi diversi per comunicare con queste persone. 

Tra pochi minuti avremo visto tutto.

Compreso un esercizio di team building per migliorare la comunicazione all’interno del team di lavoro. 

Stiamo per immergerci nel 31° episodio di Moonly TRAINING.

Partiamo.

 

 

Comunicazione interna aziendale 

 

 

In questo 31° episodio risponderemo alle seguenti domande.

  1. Come migliorare la comunicazione interna in azienda?
  2. Quali sono le 5 tipologie di comunicatori che si possono trovare nei team di lavoro?
  3. Quali sono i consigli da offrire alle persone in azienda per comunicare al meglio con le 5 tipologie di comunicatori?
  4. In che modo la comunicazione interna efficace può ridurre i danni dei conflitti sul lavoro?
  5. Perché è importante adattare la comunicazione in base alla persona che abbiamo di fronte?
  6. In che modo le persone possono iniziare a comunicare in modo più efficace con i propri colleghi?
  7. Per quale motivo una comunicazione interna efficace può migliorare l’approccio alla diversity?
  8. Qual è un esercizio di team building che avrà migliorato la comunicazione interna aziendale?

 

 

 moonly luna

Moonly

 

Come sempre, massima trasparenza.

  • L'episodio che stiamo per iniziare non contiene alcuna pubblicità o link di affiliazione.
  • Abbiamo scelto lo sfondo nero per non stancare i tuoi occhi.
  • Più il luogo nel quale ti trovi è buio migliore sarà la tua esperienza di apprendimento.
  • Ci piacerà leggere il tuo feedback anonimo qui.
  • Se vuoi ottimizzare il tuo tempo puoi scaricare l'estratto dell'episodio qui.
  • La maggior parte degli episodi sono realizzati in collaborazione con il nostro pool di Psicologi, Business Coach e Data Scientist che stanno portando avanti il nostro progetto di Auto-leadership

 

 

 

 

 

Le cinque tipologie di comunicatori.

C’è sempre meno differenza tra comunicazione esterna e comunicazione interna.

C’è sempre meno differenza tra cliente esterno e cliente interno.

Mai come oggi è stato così importante conoscere a fondo i propri collaboratori. 

Nell’era della responsabilità e dell’autonomia che stiamo iniziando a vivere è fondamentale lavorare sulla trasparenza.

Sulla trasparenza e su una comunicazione interna aziendale sartoriale.

 

Trasparenza in azienda e comunicazione interna

 

 

Se vogliamo davvero mettere le persone al centro del business è necessario andare più in profondità riguardo le caratteristiche delle persone.

È necessario capire il loro modo di comunicare all’interno dell’azienda.

Come abbiamo visto in questo episodio, l’incomprensione è il fattore che più di tutti porta alla rottura di un rapporto lavorativo.

Se vogliamo eliminare l’incomprensione in azienda, e vogliamo coltivare la comprensione profonda delle persone, dobbiamo fare in modo che le persone si conoscano maggiormente.

 

Incomprensione e comunicazione interna aziendale

 

 

Ciò che vedremo in questo episodio sono le 5 tipologie di comunicatori che popolano ogni azienda.

L’obiettivo di questa classificazione è comprendere il modo di comunicare dei propri collaboratori e le loro caratteristiche.

Grazie a ciò riusciremo a ritagliare una comunicazione più sartoriale in base alla persona che abbiamo di fronte.

 

Comunicazione sartoriale in azienda

 

 

Ogni azienda ha al suo interno una o più delle tipologie di comunicatori che andremo ad approfondire. 

È bene che ogni persona in azienda conosca la presenza di queste cinque tipologie.

Inoltre, è fondamentale che ogni persona conosca la tipologia appartenente ad ogni membro del proprio team.

In sostanza, all’interno del team di lavoro ognuno dovrebbe conoscere (in modo trasparente) a che tipologia di comunicatore appartengono i propri colleghi.

In questo modo riusciranno ad essere più efficaci nella comunicazione.

Tutto questo sarà possibile grazie all'esercizio pratico che vedremo fra poco. 

 

 

Esercizio comunicazione interna aziendale

 

 

Detto ciò, le cinque tipologie che ora andremo ad approfondire non servono solamente al Top management per calibrare la comunicazione con i propri colleghi.

Servono anche, e soprattutto, a tutta la popolazione aziendale.

L’ottimale sarebbe che ogni Team Leader (o manager) conosca la presenza di queste 5 tipologie di comunicatori affinché possa portare questo concetto all'interno del proprio team

In questo modo, ogni persona conoscerà la tipologia appartenente ad ogni collega.

 

Esempio comunicazione interna

 

 

Una volta consapevoli di avere di fronte una persona appartenente a una tipologia specifica, i vostri collaboratori sapranno come atteggiarsi al meglio con questa persona.

Ciò non significa che perderanno di naturalezza e di genuinità.

Essi impareranno semplicemente come è più funzionale comunicare con il proprio collega. 

 

Comunicazione funzionale

 

 

Ciò che faremo ora è analizzare le cinque tipologie di comunicatori.

Una volta descritte approfondiremo come è bene comportarsi con tutte e 5 le tipologie di comunicatori.

In sostanza capiremo come è bene comunicare con queste persone. 

ps. nessuna persona appartiene al 100% a una sola tipologia. Solitamente vi è una predominanza in una delle 5 tipologie. 

     

     

    _

    Momento di riflessione: quali sono le tre fasi più importanti della comunicazione interna aziendale?

    Al minuto 01:45 (del video che trovi qui sotto) lo scopriamo.

     

     

    Qui troverai l'episodio completo. 

     

     

     

     

     

     

    Prima tipologia - I Benefattori 

    I Benefattori sono quelle persone che all’interno dell’azienda mettono i bisogni degli altri al primo posto.

     

    Prima tipologia di comunicatori

     

     

    Questo loro atteggiamento (sicuramente funzionale) li porta spesso a non venire ascoltati dai propri colleghi.

    I Benefattori amano l’armonia di gruppo e adorano creare delle relazioni forti, mettendo i propri colleghi al primo posto.

     

    Persone che mettono al primo posto i colleghi

     

     

    Se da un lato questo loro altruismo è sicuramente positivo, d’altro lato il Benefattore fa purtroppo difficoltà a far sentire la propria voce all’interno del team per cui lavora.

    In poche parole, è come se i propri colleghi non dessero importanza a ciò che il Benefattore dice.

     

    Poca importanza comunicatori azienda

     

     

    I Benefattori sono persone molto empatiche e di conseguenza riescono a captare con molta cura le reali necessità del team.

    Queste persone hanno spesso delle idee su come poter migliorare alcuni processi o poter semplicemente migliorare il clima all’interno del team.

    Essendo queste persone molto empatiche riescono a capire se c’è qualcosa che non va.

    Il problema sta nel fatto che queste persone, molto spesso, non vengono ascoltate.

    Non viene dato spazio alle proprie parole, e di conseguenza sentono di non poter contribuire come vorrebbero. 

     

    Avere poco spazio in azienda e contribuzione

     

     

    Capiremo poi come comportarci con questa prima tipologia di comunicatori.

    Veniamo ora alla seconda tipologia

     

     

     

     

     

    Seconda tipologia - Gli Innovatori 

    Gli Innovatori sono quelle persone che all’interno del proprio team sono sempre un passo avanti agli altri.

     

    Persone innovative in azienda

     

     

    Essi hanno continue idee futuristiche, ma che spesso non vengono comprese dalle altre persone.

    Gli Innovatori hanno uno stampo creativo e hanno la testa sempre piena di idee per il futuro.

    Sono quelle persone che ogni volta che vedono qualcosa di non particolarmente innovativo si chiedono: “Come posso migliorare o innovare questa cosa?”

     

    Domanda comunicazione aziendale

     

     

    È come se il presente che stessero vivendo gli andasse stretto, e volessero vedere nuove vie per migliorare ogni cosa. 

    Gli Innovatori hanno una mente fuori dagli schemi che permette loro di dare vita a dei progetti che però le persone fanno fatica a comprendere.

     

    Incomprensione in azienda

     

     

    È proprio da questa incomprensione infatti che nasce un piccolo problema.

    Se da un lato l’Innovatore è una persona estremamente creativa, d’altro lato fa difficoltà a far comprendere le sue idee e i suoi progetti ai propri colleghi.

    Proprio per questo motivo, gli Innovatori vivono continui alti e bassi emotivi

     

    Alti e bassi emotivi al lavoro

     

     

    Possono infatti sentirsi estremamente entusiasti se lavorano in un ambiente di lavoro dove la creatività è apprezzata.

    Allo stesso tempo possono sentirsi frustrati se l’ambiente di lavoro prevede troppi paletti, troppe regole e troppa restrizione.

     

    Paletti, regole e restrizioni al lavoro

     

     

    Anche le persone che lavorano insieme agli Innovatori possono vivere emozioni contrastanti.

    Se da un lato avere degli Innovatori nel proprio team significa lavorare con continue nuove prospettive, d’altro lato sembra di comunicare con persone che non accettano il presente.

    In sostanza sembra di comunicare con una persona che ha già un piede nel futuro, e non riesce a ragionare nel presente

     

     

    Persone in azienda con ottica al futuro

     

     

    Capiremo poi che comunicazione adottare con queste persone affinché essi riescano ad esprimere la propria vena creativa, e il team possa sentirsi a proprio agio

    Veniamo ora alla terza tipologia.

     

     

    _

    Momento di riflessione: la comunicazione interna aziendale può essere influenzata dal livello di motivazione dei vostri collaboratori?

    Al minuto 04:41 (del video che trovi qui sotto) capiamo quali sono le tre leve che motivano le persone al lavoro.

     

     

    Qui troverai l'episodio completo. 

     

     

     

     

    Terza tipologia - I Tradizionalisti

    I Tradizionalisti sono l’esatto opposto degli Innovatori.

     

    Tradizionalisti in azienda

     

     

    Essi infatti hanno un animo più conservatore e tendono a rimanere ancorati alla tradizione

    I Tradizionalisti trovano sempre i vantaggi nel rimanere fermi nella situazione in cui si trovano, senza cambiare

    Amano portare avanti i principi che hanno caratterizzato l’azienda fino a quel momento.

     

    Principi aziendali

     

     

     

    Essi, a differenza degli Innovatori, sono concentrati sul presente e tendono a non preoccuparsi eccessivamente per il futuro.

    Questo è un aspetto positivo: concentrandosi sul momento presente riescono a prendere decisioni basate su dei principi ferrei che hanno già funzionato in passato 

    Persone con mentalità al presente in azienda 

     

     

    Anche questa tipologia però ha i suoi vantaggi e svantaggi.

    Se da un lato i Tradizionalisti compiono meno gesti impulsivi e rischiosi rispetto agli Innovatori, d’altro lato rischiano di non comprendere l’innovazione in atto (incomprensione).

    I Tradizionalisti sono restii al cambiamento e cercano di proteggere in ogni modo ciò che è stato fatto fino a quel momento

    Questo aspetto viene spesso disprezzato dalle altre tipologie di comunicatori, perché essi sembrano contrari all’innovazione.

     

    Innovazione in azienda

     

     

    In realtà, fra qualche minuto capiremo che la figura del Tradizionalista è fondamentale.

    Veniamo ora alla quarta tipologia.

     

     

     

     

    Quarta tipologia - I Collaboratori

    I Collaboratori sono coloro che amano creare connessioni fra le persone.

    Sono coloro che adorano mantenere forti le relazioni acquisite in passato.

     

    Quarta tipologia di persone in azienda 

     

     

    Immagina un team (o più team) della tua azienda che voglia organizzare una piccola festa di gruppo.

    I Collaboratori sono proprio quelle persone che si prodigheranno per organizzare il tutto.

    Saranno infatti loro che contatteranno tutte le persone, che avviseranno dell’orario e che si assicureranno che tutto funzioni al meglio.

    Insomma, quando si tratta di organizzare degli incontri con più persone i Collaboratori si sentono realizzati nel diventare gli assoluti responsabili.

     

    Sensazione di realizzazione e responsabilità in azienda

     

     

    Anche questa tipologia di comunicatori naturalmente ha i suoi svantaggi.

    Se da un lato i Collaboratori sono circondati da tantissime persone, d'altro lato il rischio è che essi non abbiano nessuno che tenga veramente a loro.

    Potrà sembrare assurdo ma questa tipologia di persone, nonostante sia circondata da tanta gente, non ha quasi mai un amico/a del cuore al quale affidarsi nei momenti di difficoltà.

    Tutto questo ci deve far riflettere

     

    Fiducia in azienda

     

     

    Il problema sta nel fatto che le altre persone, vedendo il Collaboratore sempre circondato da tanti colleghi, credono che esso non abbia bisogno d'aiuto.

    Le persone credono che essendo così socievole e avendo così tanti contatti il Collaboratore riuscirà a cavarsela parlando con loro.

    Il problema è che se tutti la pensano in questo modo finiranno per lasciare il Collaboratore solo

    Di conseguenza, rischierà di entrare velocemente in depressione.

     

    Depressione al lavoro

     

     

    È simile all’effetto che provano i cantanti famosi.

    Per quale motivo Michael Jackson viveva dei momenti di forte depressione?

    Uno dei motivi era proprio il fatto che viveva alcuni periodi a contatto con milioni di persone che lo acclamavano, e altri in totale solitudine

    Viveva degli scombussolamenti emotivi troppo profondi. 

     

     

    Emozioni in azienda

     

     

    Prova a immaginare di essere in tournè per 2 mesi e di essere acclamato/a da decine di milioni di persone.

     

     

    Esempio comunicazione interna

     

     

     

    E ora, prova a immagina di trovarti i successivi 4 mesi in solitudine totale.

    Senza contatti con i tuoi fan.

    Senza social network

     

     

    Esempio comunicazione interna aziendale

     

     

    In quel periodo non c'erano i social network che mantenevano forte il contatto con il cantante.

    Nei mesi in cui Michael Jackson non era in tourné aveva pochissime persone (a volte nessuno) che gli stavano veramente vicino.

    Dopotutto, per quale motivo Michael Jackson dovrebbe avere bisogno d’aiuto?

    Con tutti i contatti che avrà perché devo stargli vicino proprio io?

     

    Il problema è che questa frase veniva pensata da tutti.

    Di conseguenza si sentiva solo.

     

    Solitudine 

     

    Questo è un esempio estremizzato, che però ci deve far comprendere il rischio che vivono i Collaboratori in azienda.

     

    Rischi comunicazione interna aziendale

     

     

    Detto ciò, i Collaboratori sono anche degli ottimi motivatori e ispiratori all’interno del Team.

    Essi infatti riescono ad esprimere il loro vero potenziale solamente in contesti lavorativi dove vi è una forte componente di team-working.

    Insomma, i Collaboratori sono una tipologia un po’ particolare: essi offrono molto aiuto ai propri colleghi, e allo stesso tempo hanno un grande bisogno d’affetto.

     

     

    Bisogno d'affetto

     

     

    Poi capiremo come trasmettere loro questo affetto.

    Passiamo ora alla quinta tipologia.

     

     

     

     

     

    Quinta tipologia - I Combattenti

    I Combattenti vedono la vita come una battaglia: o si vince o si perde.

     

    Combattenti in azienda

     

     

    Essi sono delle persone incredibilmente ambiziose che fanno difficoltà a risolvere un problema in modo tradizionale

    La loro vuole essere un’azione eroica che possa rivoluzionare l’azienda, e la società.

    Se notano che all’interno del proprio team manca qualcosa in particolare, non vorranno semplicemente sopperire quella mancanza.

    Vorranno invece dare vita a uno dei più impattanti cambiamenti di sempre.

    Ogni cosa che fanno la vedono come un'impresa per cui sentirsi profondamente realizzati.

     

    Realizzazione in azienda

     

     

    Se c’è una cosa che sicuramente non manca ai Combattenti quella è l’ambizione

    Essi non si pongono limiti e vogliono rivoluzionare completamente ciò che è stato fatto fino a quel momento. 

    Avere a che fare con questa tipologia di persone non è facile perché difficilmente metteranno in discussione i loro piani. 

    Per essi il lavoro è un gioco, una battaglia, una sfida.

     

     

    Stimoli e motivazione in azienda

     

     

    Essi potrebbero sembrare simili agli Innovatori, ma in realtà hanno uno stile un po’ più forte e dominante

    Essi non hanno una visione così futuristica come gli Innovatori, ma semplicemente mettono in atto tutto ciò che è necessario fare per raggiungere i propri obiettivi (o gli obiettivi aziendaIi).

    Spesso sono disposti a calpestare se stessi pur di vincere

    Sono le classiche persone che rinunciano alle ferie, ai propri hobby, alle proprie relazioni pur di conseguire l'obiettivo.

     

    Obiettivi aziendali

     

     

    Come puoi immaginare, anche questa tipologia di comunicatori ha i suoi svantaggi

    Se da un lato essere ambiziosi e determinati è un aspetto che farebbe invidia a molti, dall’altro lato i Combattenti fanno difficoltà ad accettare di farsi aiutare dai propri colleghi.

    I Combattenti infatti potrebbero essere così focalizzati sui propri obiettivi (personali e aziendali) che potrebbero non accorgersi di star percorrendo una strada sbagliata.

     

    Obiettivo aziendale

     

     

    Ora che abbiamo analizzato le cinque tipologie di comunicatori capiamo come è bene comportarci con loro.

     

     

    Momento di riflessione: può l'identità dei vostri collaboratori influenzare la comunicazione interna aziendale?

    Al minuto 06:35 (del video che trovi qui sotto) vediamo un modello da offrire ai vostri Team Leader per non rischiare di calpestare (involontariamente) l'identità dei propri colleghi.

     

     

    Qui troverai l'episodio completo.

     

     

     

     

     

    Come comportarsi con le cinque tipologie di comunicatori.

    Abbiamo quindi capito che esistono cinque tipologie di comunicatori in azienda:

    1. I Benefattori
    2. Gli Innovatori
    3. I Tradizionalisti
    4. I Collaboratori
    5. I Combattenti

     

    Cinque modi di comunicare in azienda

     

     

    Come puoi immaginare, ogni persona dovrebbe saper comunicare in un certo modo in base alla tipologia di comunicatore che ha di fronte.

    Per questo motivo, ora, capiamo come comportarci con queste persone.

    Una volta che avremo capito come comportarci con queste persone passeremo all’esercizio pratico.

    L’esercizio che avrà aiutato i vostri collaboratori a comprendere la tipologia di comunicatori presenti nel proprio team.

    Capiamo quindi come comportarci con le 5 tipologie di comunicatori. 

     

    Comportamento in azienda

     

     

    Comportamento e comunicazione con i Benefattori.

    Abbiamo visto che i Benefattori sono quelle persone che tendono ad aiutare i propri colleghi e allo stesso tempo fanno fatica a far sentire la propria voce

    Ciò che dobbiamo fare con queste persone è rassicurarli dicendogli che le loro opinioni sono importanti.

    Dobbiamo far capire loro che siamo disposti ad ascoltare ciò che vogliono dirci.

     

    Ascolto attivo in azienda

     

     

    I Benefattori infatti pensano che le loro opinioni non abbiano valore agli occhi dell’azienda.

    Di conseguenza tendono a far emergere sempre meno i propri pensieri.

    Quindi, quando ci troviamo a parlare con un Benefattore - sia che ci troviamo a tu per tu con lui (o lei) sia che la conversazione avvenga all’interno di un team - dobbiamo dire a questa persona che le sue idee e le sue iniziative sono ben apprezzate e ben volute

     

    Perché l'ascolto attivo è importante in azienda?

     

     

    In questo modo, oltre ad essere d’aiuto alle persone, il Benefattore potrà anche far emergere le proprie idee.

    Così facendo si sentirà finalmente ascoltato e percepirà di essere parte attiva della comunicazione aziendale.

     

    Parte attiva della comunicazione

     

      

     

     

    Comportamento e comunicazione con gli Innovatori.

    Per quanto riguarda gli Innovatori abbiamo capito che essi hanno una mentalità focalizzata al futuro, e hanno la testa sempre piena di nuove idee.

    Nella società che stiamo vivendo l’innovazione riveste un ruolo cruciale, quindi non possiamo permetterci di non sfruttare a pieno le loro idee, a volte anche bizzarre.

    Al 99%, sarà da una di queste idee che nasceranno le prossime vere innovazioni all’interno della vostra azienda. 

     

    Innovazione aziendale

     

     

    Quando ci approcciamo con queste persone dobbiamo sforzarci nell’accettare le loro idee senza commettere l'errore di scartarle immediatamente

    Il nostro impulso infatti è quello di vedere le loro idee come qualcosa di folle ed esagerato

    Il nostro sforzo sta proprio qui: accettare queste idee e valutarle di conseguenza. 

    Se invece le rifiuteremo fin da subito, rischieremo di spegnere la creatività dell’Innovatore.

    Di conseguenza si sentirà frustrato e insoddisfatto

     

    Frustrazione e insoddisfazione al lavoro

     

     

    Se scartiamo continuamente le idee di un Innovatore, esso ci porterà sempre meno idee.

    Di conseguenza perderemo l’occasione di fare un passo in avanti rispetto alla concorrenza

    Cosa sarebbe successo se Steve Wozniak non avesse ascoltato l’idea di Steve Jobs nel voler portare il computer sulle scrivanie di tutto il mondo?

    Semplice: o ci ritroveremmo senza personal computer, oppure al posto di Apple oggi ci sarebbe un’altra azienda.

     

    Domanda comunicazione

     

     

     

     

     

    Comportamento e comunicazione con i Tradizionalisti.

    I Tradizionalisti abbiamo visto essere quelle persone che tendono a rimanere ancorate al presente e ai principi che caratterizzano l’azienda (e la società in generale).

    Spesso, queste persone vengono viste come noiose e antipatiche perché sembrano remare contro l’innovazione

     

    Innovare in azienda

     

     

    I Tradizionalisti soffrono di questa etichetta che viene loro appiccicata in fronte, e così provano ad essere meno pignoli e più simpatici

    Questo però è assolutamente sbagliato: se il loro talento è quello di mantenerci radicati al presente è bene che essi esprimano i loro quesiti, i loro dubbi e le loro domande.

    Dobbiamo rispettare la loro indole critica e tradizionalista.

     

     Rispetto in azienda

     

     

    Quindi, se abbiamo a che fare con i Tradizionalisti, e le loro domande ci irritano, ricordiamoci che lo stanno facendo per il bene dell’azienda.

    È bene quindi accettare le loro affermazioni e analizzare insieme ad essi se ciò che stanno dicendo sia funzionale o se rischia di frenare le nuove idee in arrivo.

    Gli Innovatori, ad esempio, faranno molta fatica a comprendere questa tipologia di persona.

    Tuttavia è necessario che tutti gli Innovatori della vostra azienda capiscano che i Tradizionalisti sono fondamentali se non si vogliono compiere errori dei quali pentirsi.

    Te lo dico perché essendo io un Innovatore ho dovuto imparare nel tempo ad amare i Tradizionalisti :)

     

     

    Coerenza in azienda

     

     

     

     

     

    Comportamento e comunicazione con i Collaboratori.

    Abbiamo detto che i Collaboratori adorano creare connessioni fra le persone e sono molto legati alle relazioni che hanno creato nel tempo.

    I Collaboratori sono spesso circondati da molta gente.

    Di conseguenza, l’errore che fanno le altre persone è pensare che essi non abbiano bisogno di un’ulteriore spalla sulla quale appoggiarsi nei momenti di difficoltà

     

    Sostegno nei momenti di difficoltà al lavoro.jpeg

     

     

    In realtà, proprio per il fatto di frequentare tante persone, i Collaboratori fanno difficoltà a capire chi le stia davvero accanto

    I Collaboratori sono persone emotive quindi dobbiamo fare attenzione al modo in cui parliamo con loro, compreso l’utilizzo di battutine e critiche

    In un primo momento potrebbero non farci caso, ma quando si troveranno da soli ripenseranno a ciò che gli è stato detto, finendo per starci male emotivamente.

     

    Emozioni al lavoro

     

     

    Quindi, se vogliamo creare una profonda connessione con queste persone, ricordiamoci di starle vicino e di far capire loro l’importanza che essi hanno all’interno dell’azienda (e al di fuori di essa).

    Basteranno pochi gesti per farci spiccare fra tutte le altre persone che i Collaboratori sono abituati a frequentare.

     

     

    Spiccare in azienda

     

     

     

     

     

    Comportamento e comunicazione con i Combattenti.

    I Combattenti sono quelle persone estremamente ambiziose che vedono ogni cosa come un gioco o una sfida.

    Un gioco o una sfida nei quali o si vince o si perde.

    Comunicare con loro non è sicuramente facile: essi sono guidati da una visione molto precisa

     

    Obiettivi aziendali

     

     

    Inoltre far capire loro che potrebbero sbagliarsi è un’impresa più che ardua

    Essi, essendo dei piccoli ribelli, non amano che gli venga detto cosa fare.

    Quindi, se dobbiamo consigliare loro delle azioni da svolgere o se dobbiamo imporre loro dei compiti da fare, è meglio non utilizzare la frase “Devi fare questo”, bensì “Io se fossi in te farei così, ma sei sempre tu a decidere”.

    Questa modalità un po’ più leggera, li farà sentire padroni delle proprie scelte nonostante li avessimo già indirizzati verso i compiti da svolgere.

     

    Padrone delle proprie scelte

     

     

    Per questa tipologia di persone la libertà e l’indipendenza sono due valori fondamentali.

    Per questo motivo, durante una conversazione con loro bisogna fargli capire che sono liberi di scegliere e indipendenti nella decisione che prenderanno (assumendosi le proprie responsabilità).

     

    Libertà e indipendenza in azienda

     

     

    Bene, ora che abbiamo visto come è bene comportarci con tutte e 5 le tipologie, veniamo all'esercizio pratico.

     

     

    _

    Momento di riflessione: le convinzioni bloccanti delle persone possono influenzare la comunicazione interna aziendale?

    Al minuto 02:50 (del video che trovi qui sotto) vediamo la prima delle tre convinzioni che potrebbero bloccare alcuni vostri collaboratori.

     

     

    Qui troverai l'episodio completo.

     

     

     

     

     

    Esercizio comunicazione interna.

    Ora che abbiamo capito la presenza delle 5 tipologie di comunicatori e abbiamo compreso come è bene comunicare con essi, è arrivato il momento di un esercizio pratico.

    L’esercizio è molto semplice e divertente, e può essere organizzato a livello di Team, da parte del Team leader (o manager).

     

    Team Leader in azienda

     

     

    Dopo che il Team Leader avrà spiegato la presenza di queste 5 tipologie di persone ai propri colleghi, ogni persona del Team prenderà un foglietto bianco per ogni persona facente parte del team.

     

    Esercizio comunicazione

     

     

    Ti facciamo subito un esempio.

    Immagina che una persona (Luna) sia in team con 5 colleghi (Kevin, Stefano, Marta, Giulia e Cloe).

    ps. Cloe è la Team Leader, e svolge l’esercizio insieme agli altri colleghi.

     

     

    Persone del team di lavoro 

     

     

    Luna prenderà quindi 6 foglietti bianchi.

     

    Esercizio comunicazione aziendale

     

     

    Una volta fatto ciò, per ogni foglio scriverà il nome di una persona facente parte del team.

     

    Esercizio comunicazione in azienda

     

     

    A questo punto dovrà ipotizzare la tipologia di comunicatore di ogni membro del Team.

    Luna dovrà farsi queste 6 domande:

    • Secondo me, a che tipologia appartengo io?
    • Secondo me, a che tipologia appartiene Kevin?
    • Secondo me, a che tipologia appartiene Stefano?
    • Secondo me, a che tipologia appartiene Marta?
    • Secondo me, a che tipologia appartiene Giulia?
    • Secondo me, a che tipologia appartiene Cloe?

     

    Le risposte a queste domande verranno scritte da parte di Luna sul foglietto corrispondente al proprio collega (e a se stessa).

     

    Esercizio pratico comunicazione interna all'azienda

     

     

    Una volta che Luna avrà compilato i foglietti dovrà dare:

    • il foglietto con scritto il nome “Kevin” e “la tipologia di comunicatore” a Kevin;
    • il foglietto con scritto il nome “Stefano” e “la tipologia di comunicatore” a Stefano;
    • il foglietto con scritto il nome “Marta” e “la tipologia di comunicatore” a Marta;
    • il foglietto con scritto il nome “Giulia” e “la tipologia di comunicatore” a Giulia;
    • il foglietto con scritto il nome “Cloe” e “la tipologia di comunicatore” a Cloe.

     

    Il foglietto con scritto il nome “Luna” e “la tipologia di comunicatore” lo terrà per se stessa.

     

     

    Esempio comunicazione aziendale

     

     

    Questo lavoro verrà fatto da ogni persona.

    Facendo così, ogni persona avrà 6 foglietti:

    • 1 foglietto compilato da se stessa;
    • 5 foglietti compilati dagli altri.

     

    Modello comunicazione interna

     

     

    In questo modo la persona potrà confrontare ciò che crede di essere con ciò che gli altri credono che essa sia.

     

    Esempio comunicazione interna

     

     

    Una volta fatto ciò l'intero Team si lascerà andare a un divertente dibattito fino ad arrivare al momento in cui ognuno è ben consapevole della tipologia di comunicatore dell’altro.

    Una volta che vi sarà maggior consapevolezza sulla tipologia di comunicatori il Team Leader riporterà nel Database di Team la tipologia di appartenenza di ogni persona.

     

    Database comunicazione interna aziendale

     

     

    Questo è un esercizio molto semplice ma dalla potenza enorme.

    I vostri collaboratori infatti, non solo svolgeranno un’attività di team building ma sapranno come migliorare la comunicazione all’interno del team.

     

     

    _

    Momento di riflessione: quali sono le persone che tendono a istigare il conflitto in azienda?

    Al minuto 01:56 (del video che trovi qui sotto) vediamo le 9 tipologie di persone che tendono a istigare il conflitto

     

    Qui troverai l'episodio completo.

     

     

     

     

     

    Considerazione post-esercizio.

    Questa classificazione non vuole creare un’identità o appiccicare un etichetta sulla fronte delle persone.

    Stiamo solamente analizzando il modo di comunicare della persona.

     

    Modo di comunicare in azienda

     

     

    Ricordiamoci inoltre che nessuna persona è al 100% appartenente a una sola tipologia di comunicatore (oltre al fatto che questa percentuale potrà cambiare nel tempo).

    Una persona potrebbe essere:

    • Benefattore (55%)
    • Innovatore (2%)
    • Tradizionalista (20%)
    • Collaboratore (20%)
    • Combattente (3%)

     

    Questa persona - per quanto riguarda questo esercizio - verrà quindi considerata un Benefattore.

     

     

    Tipologia di persone in azienda

     

     

    Ti riporto un esempio su me stesso.

    La mia percentuale nel momento in cui sto scrivendo questo episodio è circa la seguente:

    • Benefattore (30%): è alta perché ho il senso del “contributo” molto alto.
    • Innovatore (48%): è la più alta in assoluto perché innoverei qualsiasi cosa mi capiti in mano.
    • Tradizionalista (1%): è bassa perché non apprezzo la tradizione e la razionalità.
    • Collaboratore (1%): è bassa perché amo portare nuove idee, ma preferisco che gli eventi e gli incontri vengano organizzati da altri.
    • Combattente (20%): è alta perché considero il mio lavoro sia un gioco che una sfida (grazie al fatto che ho praticato molto sport agonistico).

     

    Di conseguenza posso essere considerato un Innovatore, anche se la percentuale di Benefattore sta crescendo sempre più (tra qualche anno, forse, sarà al primo posto. Staremo a vedere).

     

    Suddivisione tipologie comunicatori 

     

     

    Ad ogni modo, dobbiamo accettare l’unicità di ogni persona senza provare a farle diventare chi non sono.

     

    Unicità in azienda 

     

     

    Io non potrei mai diventare un Tradizionalista.

    Sarebbe assurdo se l’azienda per cui lavorassi provasse a eliminarmi la mia indole da Innovatore. 

     

    Detto ciò, alle persone che appartengono alla tipologia Benefattori ricordiamo loro che, oltre ai propri colleghi, vi sono anch’essi, quindi è bene far sentire la propria voce.

     

    Far sentire la propria voce in azienda

     

     

    Alle persone che appartengono alla tipologia Innovatori aiutiamole a far emergere le loro idee, facendole rendere conto che anche la razionalità è importante.

     

    Fare emergere le idee delle persone in azienda

     

     

    Alle persone che appartengono alla tipologia Tradizionali consigliamo loro di rimanere saldi ai principi dell’azienda (e della società) comprendendo che l’innovazione è comunque importante.

     

    Rimanere saldi ai principi

     

     

    Alle persone che appartengono alla tipologia Collaboratore consigliamo loro di continuare a creare solide relazioni, e di prestare attenzione ai colleghi che possono sostenerli nei propri momenti di difficoltà.

     

    Sostenere i collaboratori nei momenti difficili al lavoro

     

     

    Infine, alle persone che appartengono alla tipologia Combattenti consigliamo loro di continuare a divertirsi e a competere nel lavoro di tutti i giorni, ricordandogli che l’empatia è l’arma vincente del Leader carismatico e di successo.

     

    Aiutarli a coltivare l'empatia

     

     

    Questa si chiama diversità.

    O ancor meglio, unicità.

     

     

     

    _

    Momento di riflessione: può il Coaching migliorare la comunicazione interna?

    Al minuto 02:19 (del video che trovi qui sotto) vediamo il modello Weekly Coaching da offrire ai vostri collaboratori.

     

     

    Qui troverai l'episodio completo.

     

     

     

     

    ___

    Prima di concludere l'episodio

    Prima di passare alla parte conclusiva di questo episodio ti invito a scaricare il nostro Moonly PLAYBOOK, il manuale strategico da leggere in 1 minuto

    Scaricandolo ora:

    • avrai cristallizzate tutte le strategie pratiche che abbiamo trattato in questo episodio, senza correre il pericolo di dimenticartele
    • potrai tenere sempre con te le strategie pratiche da applicare in azienda, senza dover tornare nuovamente in questo episodio per rileggerle;
    • potrai condividere le strategie appena apprese direttamente con i tuoi colleghi, senza rischiare di dimenticarti ciò che hai appena letto. 

     

    Playbook - Comunicazione interna aziendale

     

     

     

     

    Conclusione

    Anche questo episodio (come gli altri) sta per concludersi.

    In questo episodio abbiamo capito che la comunicazione interna aziendale è efficace quando:

    • si rispettano le caratteristiche dei propri colleghi;
    • si rispettano le proprie caratteristiche;
    • si adotta una comunicazione sartoriale in funzione delle persone che abbiamo di fronte.

     

    Attività comunicazione aziendale

     

     

    Per non rischiare che la comunicazione interna diventi un ostacolo alla crescita aziendale è bene che ogni persona conosca la presenza delle 5 tipologie di comunicatori. Queste sono:

    • I Benefattori
    • Gli Innovatori
    • I Tradizionalisti
    • I Collaboratori
    • I Combattenti

     

    Tipi di persone in azienda 

     

     

    Di conseguenza, abbiamo visto che per aiutare i vostri collaboratori a migliorare la comunicazione all’interno del team potete far svolgere loro un esercizio molto semplice.

    Gli step sono 3:

    1. Il Team Leader racconta la presenza di queste 5 tipologie ai propri colleghi.
    2. Ogni persona identifica autonomamente la propria tipologia e quella dei propri colleghi.
    3. Tutto il Team discute sulle risposte offerte e identifica le tipologie definitive.

     

     Esercizio team building e comunicazione interna

     

     

    Questo semplice esercizio avrà aiutato i vostri collaboratori:

    • a conoscersi meglio;
    • a migliorare la comunicazione con i propri colleghi;
    • a migliorare il clima aziendale.

     

     

    Risultati comunicazione interna

     

     

    Di conseguenza diventeranno:

    • delle persone più consapevoli delle proprie azioni e del proprio modo di comunicare;
    • delle persone più empatiche con i propri colleghi (e clienti);
    • delle persone più flessibili alle attitudini e alle caratteristiche altrui.

     

    Benefici comunicazione interna aziendale




    Congratulazioni per aver terminato il 31° episodio di Moonly TRAINING.

    Spero che le strategie che ti abbiamo offerto potranno esserti d'aiuto.

    Ti sarei davvero grato se investissi 30 secondi del tuo tempo per lasciarci un tuo feedback anonimo qui (nessuna mail richiesta).

    Inoltre, sentiti libero/a di condividere il link di questo episodio con tutte le persone che sai già potranno beneficiarne.

    Avrai contribuito alla nostra missione.

    Grazie, e a presto.

    Ciao.

    _

    "Tutto questo per esaltare l'unicità delle persone, facendovi diventare un'azienda unica."

     

    Moonly

     

     

     

    _

     Accedi a Moonly TV. Gratis.

    Le migliori strategie pratiche utilizzate dalle aziende più innovative al mondo per esaltare l'unicità delle persone attraendo, potenziando e motivando talenti unici.Moonly TV: attrarre, potenziare e motivare i propri collaboratori